Circolare a presidi scuole toscane: segnalare gravidanze studentesse

Circolare a presidi scuole toscane: segnalare gravidanze studentesse

La richiesta parte dall’inchiesta su una neonata trovata morta in una discarica in Veneto, che ha fatto scattare simile richieste a diversi enti tra cui l’ufficio scolastico regionale toscano

Fibrillazione tra i presidi delle scuole toscane per una e-mail nella quale si chiede loro di segnalare eventuali situazioni di gravidanze da parte delle studentesse.

A rivelare la vicenda è il quotidiano ‘La Repubblica’, ricostruendo che l’invito inviato con una e-mail riservata ai dirigenti da parte dell’ufficio scolastico regionale è da ricondurre ad un’inchiesta della procura di Venezia in seguito al ritrovamento del corpicino di una neonata senza vita, in un sacchetto, in una discarica di Musile di Piave lo scorso 4 novembre. Le indagini avrebbero condotto a simili richieste a diversi soggetti, tra cui l’ufficio regionale scolastico della Toscana, chiedendo se nelle scuole di competenza “si siano verificato, da parte di studentesse, casi di abbandoni o assenze di rilievo o altre situazioni (interventi, ricoveri, ecc) che possano aver indotto a ritenere trattarsi di gravidanze (magari celate) nel primo caso oppure postumi da parto nel secondo”.

Alla sorpresa manifestata da alcuni presidi di fronte a tale richiesta l’ufficio scolastico regionale, confermando la riservatezza della comunicazione, ha spiegato che “non c’era alcuna volontà di raccogliere informazioni sulla vita delle studentesse”. Secondo La Repubblica anche dal Miur sarebbe emersa preoccupazione per la diffusione di circolari riservate, ma anche disappunto per le modalità ed il linguaggio usato nella richiesta.

L’articolo Circolare a presidi scuole toscane: segnalare gravidanze studentesse proviene da www.controradio.it.