Università: Rettore Pisa, impossibile promuovere le donne

Università: Rettore Pisa, impossibile promuovere le donne

Vincenzo Barone, rettore dell’Università di Pisa, ha denunciato la situazione di scarsa opportunità lavorativa per le donne in ambito accademico. Sulle sue parole sono intervenuti anche Catizone del Pd e Pedrazzini di Forza Italia

“Ogni volta che si tratta di valutare o proporre il nome di una donna per un posto da docente, si scatena il finimondo”. Lo denuncia in una intervista il rettore della Normale di Pisa, Vincenzo Barone.

“Si parla di tutto – spiega Barone – meno che di preparazione, merito e competenze, che dovrebbero essere i soli criteri per valutare un accademico”. Si tratta spesso, fa sapere, “di calunnie belle e buone, con l’aggiunta, come accaduto in anni recenti, di lettere anonime e notizie false diffuse ad arte”. Riguardo ai contenuti riferisce: “Offensivi, con espliciti riferimenti sessuali, volgari e diffamatori. Anche se missive anonime sono state utilizzate per colpire pure candidati uomini” ma “se per gli uomini in genere il copione è quello di additare il maestro che vuole proteggere l’allievo prediletto – aggiunge – per le donne c’è l’aggiunta di risvolti volgari e riferimenti alla vita privata, del tutto inaccettabili e per di più falsi. Non mi stupirei, visto il clima, di vedere prima o poi anche attacchi magari sulle tendenze omosessuali di qualcuno”.

“Le parole del rettore della Normale di Pisa Vincenzo Barone, sulla difficoltà a promuovere le docenti donne, sono sconfortanti ma totalmente veritiere. E purtroppo non sono circoscritte solo all’ambito accademico.
Servono più atti di coraggio come questo. Il fatto poi che la denuncia venga fatta da un uomo testimonia la gravità della situazione. Nessun piagnisteo al femminile, quindi, ma la constatazione di uno stato di continuo sopruso. La presenza delle donne nei posti di lavoro peraltro è un tema che deve interessare tutti. I numeri e non le opinioni personali dimostrano chiaramente gli effetti positivi che ai determinano in termini di qualità e produttività. La violenza contro le donne nel nostro Paese non è solo fisica ma anche psicologica.
L’accesso a posizioni apicali è certo molto più complessa per le donne. È un grave problema di carattere culturale e strutturale. Di sicuro questo governo peggiora la situazione.
Nelle Università sono ancora poche le donne Rettori, Presidi e, come in altri ambiti professionali, se sei una donna sei obbligata ad un sforzo superiore rispetto ai tuoi parigrado maschile. Su questo fronte siamo ancora un Paese arretrato, terribilmente arretrato”. Lo afferma Andrea Catizone, responsabile pari opportunità del Pd

 

“La denuncia del rettore della Normale di Pisa è indice di un gap di civiltà prima ancora che di genere. L’ostracismo alla carriera accademica delle donne, portato avanti con pregiudizi e pettegolezzi, è un fattore frenante alla premialità del merito”. Lo dichiara il deputato di Forza Italia Claudio Pedrazzini. “Una valutazione della classe docente che non sia basata sulle capacità dei candidati non è solo il sintomo di una insensata discriminazione ma rischia anche di compromettere la qualità dell’offerta formativa agli studenti. L’università è il luogo in cui si forma la classe dirigente del futuro e per questo dovrebbe essere un esempio di meritocrazia: sessismo e logiche baronali non devono trovare spazio nei nostri Atenei”, conclude.

L'articolo Università: Rettore Pisa, impossibile promuovere le donne proviene da www.controradio.it.

Pisa: domenica Sabino Cassese ricorda Carlo Azeglio Ciampi

Pisa: domenica Sabino Cassese ricorda Carlo Azeglio Ciampi

Sarà Sabino Cassese, professore emerito della Scuola Normale e giudice emerito della Corte Costituzionale, a tenere la lectio in occasione della seconda edizione della ‘Giornata in ricordo di Carlo Azeglio Ciampi’, che si svolgerà domenica prossima al Palazzo della Carovana, a Pisa, a due anni dalla morte dell’ex presidente della Repubblica.

La lezione in onore di Ciampi, intitolata ‘Stato e prospettive dell’Unione europea’ inizierà alle 16.30 e sarà seguita da una tavola rotonda con Mario Pianta (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo), Alessandro Roncaglia (Accademia Nazionale dei Lincei) e lo stesso Cassese, coordinata dall’allievo Lorenzo Mesini. Introdurrà la giornata il direttore della Normale, Vincenzo Barone.

“Ciampi – scrive l’ateneo in una nota – è stato uno degli allievi di cui la Normale va più fiera. Il suo attaccamento alle istituzioni repubblicane, la dedizione e la competenza che tutti gli riconoscono nello svolgimento degli incarichi ricoperti prima in Banca d’Italia e successivamente come presidente del Consiglio e presidente della Repubblica, sono stati sempre accompagnati da una profonda umanità, dal confronto aperto e leale con gli altri come metodo di lavoro, dal profondo rispetto per le istituzioni repubblicane e dall’amore per la patria (valore, quest’ultimo, che seppe riportare magistralmente in auge).”

”In suo onore, studente a Pisa dal 1937 al 1941, la Normale ha fondato presso Palazzo Strozzi a Firenze l’Istituto di Studi Avanzati Carlo Azeglio Ciampi, che sta per bandire un posto di ordinario in Cinema, fotografia, televisione, dopo la cattedra già assegnata in Storia dell’Economia, a testimonianza della natura multidisciplinare dell’Istituto”.

L'articolo Pisa: domenica Sabino Cassese ricorda Carlo Azeglio Ciampi proviene da www.controradio.it.

Pisa: domenica Sabino Cassese ricorda Carlo Azeglio Ciampi

Pisa: domenica Sabino Cassese ricorda Carlo Azeglio Ciampi

Sarà Sabino Cassese, professore emerito della Scuola Normale e giudice emerito della Corte Costituzionale, a tenere la lectio in occasione della seconda edizione della ‘Giornata in ricordo di Carlo Azeglio Ciampi’, che si svolgerà domenica prossima al Palazzo della Carovana, a Pisa, a due anni dalla morte dell’ex presidente della Repubblica.

La lezione in onore di Ciampi, intitolata ‘Stato e prospettive dell’Unione europea’ inizierà alle 16.30 e sarà seguita da una tavola rotonda con Mario Pianta (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo), Alessandro Roncaglia (Accademia Nazionale dei Lincei) e lo stesso Cassese, coordinata dall’allievo Lorenzo Mesini. Introdurrà la giornata il direttore della Normale, Vincenzo Barone.

“Ciampi – scrive l’ateneo in una nota – è stato uno degli allievi di cui la Normale va più fiera. Il suo attaccamento alle istituzioni repubblicane, la dedizione e la competenza che tutti gli riconoscono nello svolgimento degli incarichi ricoperti prima in Banca d’Italia e successivamente come presidente del Consiglio e presidente della Repubblica, sono stati sempre accompagnati da una profonda umanità, dal confronto aperto e leale con gli altri come metodo di lavoro, dal profondo rispetto per le istituzioni repubblicane e dall’amore per la patria (valore, quest’ultimo, che seppe riportare magistralmente in auge).”

”In suo onore, studente a Pisa dal 1937 al 1941, la Normale ha fondato presso Palazzo Strozzi a Firenze l’Istituto di Studi Avanzati Carlo Azeglio Ciampi, che sta per bandire un posto di ordinario in Cinema, fotografia, televisione, dopo la cattedra già assegnata in Storia dell’Economia, a testimonianza della natura multidisciplinare dell’Istituto”.

L'articolo Pisa: domenica Sabino Cassese ricorda Carlo Azeglio Ciampi proviene da www.controradio.it.

Robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport

Robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport

La robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport, Una giornata al mare, un’uscita in barca a vela o una discesa sugli sci sono adesso possibili per le persone che presentano una ridotta capacità motoria.

La robotica al servizio dei disabili: una giornata al mare, un’uscita in barca a vela o una discesa sugli sci sono adesso possibili per le persone che presentano una ridotta capacità motoria o che hanno perso la possibilità di camminare, grazie ai progressi della ricerca e alla collaborazione tra associazioni di volontariato e bioingegneri della riabilitazione. Più in generale le barriere architettoniche possono essere superate consentendo a persone diversamente abili di viaggiare con una maggiore autonomia: le tecnologie sono disponibili, la sfida è aumentarne la diffusione. Le novità su questi temi, oltre che dei progressi nella riabilitazione degli arti inferiori, saranno presentate in due occasioni durante il Festival internazionale della robotica, in programma a Pisa dal 27 settembre al 3 ottobre.

In particolare il 29 settembre, il Polo Le Benedettine di Pisa, ospiterà il convegno ‘Turismo 2.0: la tecnologia al servizio delle disabilità’, per far conoscere i progressi del turismo accessibile e di quello ‘assistito’, anche con un’esposizione di mezzi multi-adattati e di soluzioni tecnologiche come la metodologia avanzata che permette alle persone con ridotte capacità motorie di sciare da seduti e le nuove tecnologie che rendono il patrimonio culturale fruibile a tutti. Anche il mare farà da protagonista con una barca dotata di sollevatore per la salita e discesa di una persona in carrozzina. L’1 ottobre, agli Arsenali Repubblicani, si parlerà invece di riabilitazione e recupero motorio e cognitivo con robot indossabili.

Il Festival internazionale della robotica è organizzato da Fondazione Arpa, con il sostegno di Regione Toscana, Comune di Pisa, Provincia di Pisa, Università di Pisa, Normale di Pisa, Scuola Sant’Anna, Cnr di Pisa, Fondazione Stella Maris, Camera di Commercio e Aoup.

L'articolo Robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport proviene da www.controradio.it.

Robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport

Robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport

La robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport, Una giornata al mare, un’uscita in barca a vela o una discesa sugli sci sono adesso possibili per le persone che presentano una ridotta capacità motoria.

La robotica al servizio dei disabili: una giornata al mare, un’uscita in barca a vela o una discesa sugli sci sono adesso possibili per le persone che presentano una ridotta capacità motoria o che hanno perso la possibilità di camminare, grazie ai progressi della ricerca e alla collaborazione tra associazioni di volontariato e bioingegneri della riabilitazione. Più in generale le barriere architettoniche possono essere superate consentendo a persone diversamente abili di viaggiare con una maggiore autonomia: le tecnologie sono disponibili, la sfida è aumentarne la diffusione. Le novità su questi temi, oltre che dei progressi nella riabilitazione degli arti inferiori, saranno presentate in due occasioni durante il Festival internazionale della robotica, in programma a Pisa dal 27 settembre al 3 ottobre.

In particolare il 29 settembre, il Polo Le Benedettine di Pisa, ospiterà il convegno ‘Turismo 2.0: la tecnologia al servizio delle disabilità’, per far conoscere i progressi del turismo accessibile e di quello ‘assistito’, anche con un’esposizione di mezzi multi-adattati e di soluzioni tecnologiche come la metodologia avanzata che permette alle persone con ridotte capacità motorie di sciare da seduti e le nuove tecnologie che rendono il patrimonio culturale fruibile a tutti. Anche il mare farà da protagonista con una barca dotata di sollevatore per la salita e discesa di una persona in carrozzina. L’1 ottobre, agli Arsenali Repubblicani, si parlerà invece di riabilitazione e recupero motorio e cognitivo con robot indossabili.

Il Festival internazionale della robotica è organizzato da Fondazione Arpa, con il sostegno di Regione Toscana, Comune di Pisa, Provincia di Pisa, Università di Pisa, Normale di Pisa, Scuola Sant’Anna, Cnr di Pisa, Fondazione Stella Maris, Camera di Commercio e Aoup.

L'articolo Robotica al servizio dei disabili per il turismo e lo sport proviene da www.controradio.it.