La Via Francigena diventa ‘prodotto turistico omogeneo’

La Via Francigena diventa ‘prodotto turistico omogeneo’

Si completa oggi, con la firma della convenzione tra i 39 Comuni interessati, il percorso per la creazione del primo prodotto turistico omogeneo “Via Francigena toscana”.

I rappresentanti delle varie amministrazioni comunali hanno siglato la convenzione oggi nel corso del convegno dal titolo “La Francigena. L’impronta sostenibile della Toscana e dei territori protagonisti”, che si è tenuto presso la Sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati, a Firenze. Con la nascita del prodotto turistico omogeneo “Via Francigena toscana” viene affidato ai 39 Comuni firmatari (raggruppati in 4 aggregazioni) l’esercizio associato delle funzioni in materia di gestione dell’accoglienza e dell’informazione turistica, di promozione e comunicazione del prodotto turistico, di manutenzione ordinaria degli itinerari escursionistici e di monitoraggio ed analisi dei flussi turistici. La convenzione siglata individua 4 aggregazioni di Comuni: Nord, Centro Nord, Centro Sud e Sud.

L’aggregazione Nord comprende i comuni di Pontremoli, Filattiera, Villafranca in Lunigiana, Bagnone, Licciana Nardi, Fosdinovo, Aulla, Carrara, Massa, Montignoso. Dell’aggregazione Centro Nord fanno parte Seravezza, Pietrasanta, Camaiore, Massarosa, Lucca, Capannori, Porcari, Montecarlo, Altopascio, Ponte Buggianese. All’aggregazione Centro Sud appartengono Fucecchio, Santa Croce, Castelfranco, San Miniato, Castelfiorentino, Montaione, Gambassi. Infine, l’aggregazione Sud comprende San Gimignano, Colle di Val d’Elsa, Monteriggioni, Siena, Monteroni, Buonconvento, Montalcino, San Quirico d’Orcia, Castiglione d’Orcia, Radicofani, San Casciano dei Bagni, Abbadia San Salvatore.

Inoltre, la convenzione indica i 4 Comuni capofila della 4 aggregazioni: rispettivamente, Pontremoli-Massa, Lucca, Fucecchio e Siena. La creazione del primo prodotto turistico omogeneo, in attuazione dell’articolo 15 della nuova legge regionale sul turismo relativo al prodotto turistico tematico, completa il percorso avviato dalla Regione con lo scopo di garantire la percorribilità dell’itinerario secondo gli standard essenziali definiti dalla Regione stessa per i prodotti turistici ed adottati dalla Associazione Europea delle Vie Francigene. Secondo la convenzione, Toscana Promozione Turistica e Fondazione Sistema Toscana affiancheranno i Comuni per la promozione del prodotto turistico. Irpet sarà invece il soggetto che provvederà ad analizzare i dati sui flussi turistici. Per l’attività di manutenzione ordinaria, necessaria per garantire la percorribilità integrale ed omogenea lungo tutto il tracciato, i Comuni potranno avvalersi di un soggetto tra quelli partecipanti all’Associazione Europea delle Vie Francigene (Aevf).

“I Comuni – ha detto l’assessore al turismo della Regione Toscana, Stefano Ciuoffo – si mettono in gioco e diventano protagonisti. E’ importante mettere in evidenza gli aspetti romantici e religiosi legati a questo cammino ma lo è altrettanto cominciare a parlare di cose concrete, di strutturazione del tracciato”. “E’ il momento di lavorare con metodo, di motivare le comunità locali a difendere la propria storia, le proprie tradizioni, altrimenti la Francigena rischia di disperdersi. L’attuazione di politiche di promozione e valorizzazione in grado di creare ricchezza è la scommessa che lanciamo ai comuni – ha aggiunto Ciuoffo – La suddivisione in 4 grandi aree ha richiesto tempo, forse lasciato qualche malumore che però dobbiamo mettere da parte”. !Sentieri, cammini e turismo esperienziali – ha concluso Ciuoffo – sono gli aspetti su cui la Regione ha deciso di puntare e per farlo occorre il contributo di tutti sotto forma di soluzioni, progetti e risorse”.

L’accordo prevede anche la costituzione di uno specifico Osservatorio Turistico di Destinazione che vedrà il coinvolgimento di tutti gli attori, pubblici e privati, che si occuperà dell’analisi e della comprensione dei fenomeni turistici legati al cammino della Via Francigena. In un secondo tempo, il regolamento di attuazione della nuova legge permetterà lo sviluppo dei cosiddetti ‘rifugi escursionistici’ che faciliteranno accoglienza povera per pellegrini e camminatori. Proseguono nel frattempo, grazie i finanziamenti regionali, le attività per sviluppare nuove occasioni di fruizione della Via Francigena. A breve saranno finanziate (con circa 270mila euro) la segnaletica per il percorso cicloturistico e per le ippovie. Avviato anche il lavoro per costruire un circuito di offerta termale connessa al turismo lento e alla via Francigena (oltre ai tre centri presenti sul percorso, si stanno definendo i contenuti per le altre 11 strutture termali che si trovano entro 15 km dal percorso).

Altri interventi, di prossima realizzazione: il cosiddetto Labirinto, nel comune di Capannori; piccoli interventi presso punti di accoglienza e pernottamento gestiti da istituzioni ecclesiastiche (stanziati 50mila euro); manutenzione ordinaria del percorso, sostituzione della cartellonistica difettosa e sviluppo di un programma di attività di animazione sul percorso (altri 150mila euro); coordinamento (aperto anche agli altri cammini) fra le associazioni che operano sul percorso al fine di promuovere la stesura di un cartellone delle attività promozionali che si tengono sulla Via Francigena.

Soddisfazione e voglia di iniziare questo nuovo percorso sono anche gli stati d’animo dei Comuni capofila della quattro aggregazioni individuate dalla convezione. Secondo Lucia Baracchini e Alessandro Volpi, rispettivamente sindaci di Pontremoli e Massa, alla guida dell’aggregazione nord, “la firma di oggi rappresenta un nuovo avvio. La Francigena è uno spaccato della nostra storia che merita di essere valorizzato e in questo modo diventa un sistema dove i comuni si sentono parti di una rete. Il nostro ruolo sarà rilevare ed affrontare problematiche e situazioni non previste o prevedibili, ma anche fare in modo che la via diventi un momento di crescita per il tessuto economico dell’area”.

“La Via Francigena – ha aggiunto il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, a nome del comune capofila dell’aggregazione centro-nord – nasce come un cammino della fede. Poi su questo aspetto si sono innestate tante altre tematiche. Adesso dovrà svilupparsi una sensibilità nuova tra i firmatari e la Regione, fatta di capacità di programmare insieme strategie di marketing turistico, programmi di investimenti per strutturare i percorsi, organizzare e promuovere un’offerta unitaria. Per noi un appuntamento importante sarà quello di settembre, con il Forum degli itinerari culturali”.

Alessio Spinelli, sindaco di Fucecchio (Fi), capofila aggregazione centro-sud, paragona il ruolo di ogni singolo comune “ad una maglia di una catena che, se capace di muoversi al meglio, è in grado di produrre un valore aggiunto rilevante e diventare un volano per l’occupazione”. Per Bruno Valentini, sindaco di Siena, capofila aggregazione sud, “questo cammino ha un valore intrinseco che va oltre quello turistico e merita la comprensione di tutti i soggetti coinvolti. Da oggi tutti quanti diventiamo responsabili rispetto agli impegni contenuti nella convenzione. Per tutti una sfida e un’opportunità da sfruttare”.

L'articolo La Via Francigena diventa ‘prodotto turistico omogeneo’ proviene da www.controradio.it.

‘World Francigena Ultra Marathon’: 120 km lungo le orme dei pellegrini

‘World Francigena Ultra Marathon’: 120 km lungo le orme dei pellegrini

Il 21 e 22 ottobre parte la Ultra marathon europea lungo la Francigena: 120 km a piedi da Siena a Acquapendente attraverso quattro percorsi. Appuntamento presentato in Regione. Assessore Ciuoffo: “valorizzare turismo sulla Francigena.”

Un percorso a passo lento per scoprire panorami mozzafiato tra strade bianche e sentieri, toccando i luoghi più suggestivi di Toscana e Lazio, lungo la
Via Francigena. E’ quanto promette la ‘World Francigena Ultra Marathon’, la prima ultramaratona europea, a passo di trekking e ‘nordic walking’, in programma il 21 e 22 ottobre. L’evento prevede quattro percorsi con la possibilità di partecipare alla prima marcia non stop lunga 120 Km da Siena ad Acquapendente, toccando i borghi più suggestivi della Via Francigena.

L’appuntamento è stato presentato oggi nella sede della Regione Toscana a Firenze, alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Siena Bruno Valentini, del direttore di Toscana Promozione Turistica Alberto Peruzzini, e del presidente
dell’Associazione Europea delle Vie Francigene Massimo Tedeschi.

“Iniziative come questa – commenta l’assessore al turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo – servono a valorizzare la Via Francigena, come è giusto che sia, rendendola un prodotto turistico attrattivo e qualificante del nostro territorio. Far scoprire sempre di più e mettendo a sistema i servizi e le opportunità del tracciato è un impegno che sta perseguendo la Regione con impegno così come sta facendo il comune di Siena che è da segnalare per la capacità innovativa e poliedrica delle iniziative. Il coinvolgimento in questo caso anche del Lazio rende ancora più ampio il respiro che vogliamo dare alla Francigena come metà di un nuovo tipo di turismo”.

Valentini ha sottolineato di essere “orgoglioso che Siena sia il punto di partenza della prima edizione della ‘World Francigena Ultra Marathon’, la prima ultramaratona europea, che ha tutte le carte in regola per diventare negli anni un importante evento sportivo-culturale a livello internazionale, per i tanti valori che racchiude in sé, per l’unicità di svolgersi lungo il grande itinerario culturale europeo della Via Francigena e per bellezza straordinaria dei luoghi che attraversa”.

L'articolo ‘World Francigena Ultra Marathon’: 120 km lungo le orme dei pellegrini proviene da www.controradio.it.

LA VIA FRANCIGENA IN TRENO: “SCONTO 10% BIGLIETTI”

Francigena treni sconto

L’accordo Trenitalia-Associazione Europea delle Vie Francigene prevede una riduzione del 10% biglietti treni Regionali e coinvolge 22 stazioni. Tedeschi: “50 mila pellegrini in Italia nel 2016″

La Via Francigena a piedi, come i pellegrini mille anni fa, in bici, a cavallo. Ora anche in treno con sconto dedicato. E’ il nuovo accordo fra Trenitalia e Associazione Europea delle Vie Francigene per una riduzione del 10% sul biglietto a pellegrini e turisti che utilizzino i treni Regionali per spostarsi lungo il tratto italiano del cammino, tra Valle d’Aosta e Roma, con ben 22 stazioni coinvolte.

”L’Enit punta molto su questo tipo di prodotti turistici che esaltano caratteristiche che ha solo l’Italia – racconta il direttore esecutivo Giovanni Bastianelli – La presenza diffusa sul territorio di tanta attrattività, dai beni culturali al paesaggio e il cibo”, ”passare per le strade dei borghi, brand apprezzato in tutto il mondo, sono tutte esperienze uniche e straordinarie” di un modo più ”lento, ecologico e sostenibile” di godere il nostro paese.

”La via Francigena – spiega il presidente dell’Aevf, Massimo Tedeschi – è un asse europeo di 1800 km, da Canterbury a Roma. Ora è in atto l’estensione in Puglia, fino a Santa Maria di Leuca. Nel 2016 si stima in Italia l’abbiamo percorsa in 50 mila. La maggior parte va a piedi, un quinto dei viaggiatori in bici, ma è sempre più apprezzato anche il treno”. Dai sondaggi, poi, risulta un identikit molto interessante con viaggiatori ”generalmente di elevati livello di istruzione – prosegue Tedeschi – quindi curiosi di conoscere non solo l’Italia di Roma, Venezia e Firenze. Mediamente hanno una certa disponibilità di spesa.

Circa la metà impegna una settimana, un quarto un weekend, Ma un altro quarto resta anche due-tre
settimane: dato molto interessante per destagionalizzazione e sviluppo dei piccoli paesi. Promuovendo ora l’utilizzo del mezzo ferroviario offriamo un importante aiuto alle persone anziane o non allenate”, che possono così alternare tappe a piedi e altre in treno. La risposta è già positiva se in tre mesi dalla nascita dell’accordo, ”senza ancora una particolare pubblicità, sono state distribuite 4 mila credenziali numerate al costo di 5 euro, con 100 mila visitatori mensili sulle pagine web dedicate.

”L’accordo – aggiunge Orazio Iacono, direttore Divisione passeggeri Regionale di Trenitalia – è una delle iniziative per incentivare l’uso dei treni regionali nel tempo libero, per turismo e piacere. Con il progressivo rinnovo della flotta, 4 miliardi e mezzo per 500 nuovi esemplari, i nostri clienti hanno a disposizione treni sempre più moderni, confortevoli e ospitali”. Per il momento l’accordo riguarda solo il tratto italiano della Francigena fino a Roma, ma sarà esteso alla parte sud del percorso, quando sarà ultimato, e si pensa a collaborazioni internazionali per le tratte in Inghilterra, Francia e Svizzera. Info: www.viefrancigene.org

The post LA VIA FRANCIGENA IN TRENO: “SCONTO 10% BIGLIETTI” appeared first on Controradio.