Giornata mondiale del diabete, Palazzo Vecchio illuminato di blu

Giornata mondiale del diabete,  Palazzo Vecchio illuminato di blu

Palazzo Vecchio e la Torre di Arnolfo illuminati di blu. L’illuminazione di uno dei simboli della città di Firenze e della sua storia è il modo con cui, anche quest’anno, l’Ospedale pediatrico Meyer e la sua Fondazione hanno voluto aderire alla Giornata del diabete, che si è celebrata ieri in tutto il mondo.

La suggestiva illuminazione blu, colore simbolo di questa malattia in continua crescita, anche tra bambini e giovanissimi, si è accesa a partire dalle 18,30. Le luci, sempre blu, colorano anche la facciata e i corridoi esterni dell’Ospedale pediatrico fiorentino e resteranno visibili fino a giovedì.

L’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione con il Comune di Firenze, la Galleria degli Uffizi, la Silfi che da dieci anni supporta il Meyer e ai volontari dell’Associazione toscana bambini e giovani con diabete.

“Il Comune di Firenze ha aderito con forte convinzione alla Giornata mondiale del diabete – ha detto l’assessore a Welfare e Sanità Sara Funaro – ed è vicino alla Fondazione Meyer e all’Ospedale pediatrico che segue ogni giorno tanti bambini malati, anche di diabete, patologia che colpisce sempre di più in età pediatrica”.

“Illuminando di blu Palazzo Vecchio – ha continuato l’assessore – vogliamo invitare la comunità fiorentina ad accendere i riflettori su questa malattia in costante e rapida espansione, in particolare nei paesi a basso e medio reddito. Secondo i dati dell’Oms, il numero di persone con diabete è passato da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014, mentre nel nostro paese, i dati dell’Osservatorio ARNO Diabete, documentano che il tasso di prevalenza totale del diabete in Italia è pari al 6,2 per cento”.

Ogni anno crescono i piccoli pazienti seguiti dal Centro regionale per la diabetologia pediatrica del Meyer. Il che conferma come questa malattia, nelle sue varie forme, sia una presenza rilevante nella vita di tanti bambini e adolescenti. Da qui l’importanza di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema.

“Il diabete è una presenza sempre più assidua tra i nostri bambini – ha spiegato Sonia Toni, responsabile del Centro regionale – Ricordo che sono circa 110 i nuovi casi di diabete di tipo 1 che ogni anno registriamo. Si tratta del diabete di tipo 1: la forma insulino-dipendente, vera e propria malattia cronica frequente in età pediatrica, dovuta alla distruzione delle cellule che producono insulina. È una patologia in progressivo aumento quantificabile in circa il 3,6% di casi in più ogni anno e con una progressiva diminuzione dell’età alla diagnosi”.

Il Centro regionale di riferimento per la Diabetologia pediatrica dell’AOU Meyer effettua diagnosi, trattamento e follow-up dei pazienti affetti da diabete, anche delle forme più rare; effettua inoltre screening e follow up dei soggetti a rischio. Svolge la sua attività in sessioni ambulatoriali, di ricovero diurno e di ricovero ordinario. Suo obiettivo è quello di garantire la diagnosi, la cura e il follow up del diabete mellito e di tutte le forme di iperglicemia in età evolutiva. Da oltre venti anni organizza corsi di educazione terapeutica e campi scuola, trasferendo le competenze multidisciplinari del team al di fuori dell’ospedale e permettendo così ai soggetti con diabete di acquisire, verificare ed approfondire le competenze diabetologiche necessarie alla gestione della terapia nel quotidiano.

L'articolo Giornata mondiale del diabete, Palazzo Vecchio illuminato di blu proviene da www.controradio.it.

Volterra: intossicati in centro di accoglienza per monossido carbonio

Volterra: intossicati in centro di accoglienza per monossido carbonio

Quattro persone adulte sono state soccorse a Volterra (Pisa) per una intossicazione da monossido di carbonio.

Lo riferiscono i vigili del fuoco precisando che l’intervento è stato intorno a mezzanotte presso un podere dove c’è un centro di accoglienza per richiedenti asilo e che viene gestito dalla Croce Rossa.

I quattro sono stati soccorsi anche dal 118 che ha provveduto al trasporto in ospedale per gli accertamenti medico sanitari necessari. Verifiche sono in corso per risalire alle cause che hanno determinato la produzione di monossido di carbonio nella struttura. Sul posto anche i carabinieri.

(notizia in aggiornamento)

L'articolo Volterra: intossicati in centro di accoglienza per monossido carbonio proviene da www.controradio.it.

Omicidio in Maremma: uccide ex socio a fucilate

Omicidio in Maremma: uccide ex socio a fucilate

Dissapori legati ad affari immobiliari: sarebbero questi i motivi che hanno spinto Antonio Esposito, 70 anni, ex impresario edile adesso in pensione, originario di Napoli ma residente a Scarlino (Grosseto), a sparare ad un ex socio. Poi ha confessato il gesto prima alla moglie e quindi ai carabinieri e per lui è scattato l’arresto.

Tutto è accaduto stamani, ma solo nel tardo pomeriggio è emerso
quanto era successo.
L’uomo, stamani intorno alle 9,30, ha infatti chiamato nel suo orto, nelle campagne di Scarlino, Alessandro Toffoli, 58 anni, di Follonica, impiegato dell’Enel, con il quale aveva
condotto in passato alcuni affari immobiliari e, dopo una breve discussione, gli ha sparato tre colpi di fucile: due al petto e uno alla testa. L’arma usata è un fucile da caccia calibro 12.
Dopo aver ucciso l’ex socio, Esposito è tornato a casa ed ha raccontato tutto alla moglie: insieme a lei è andato dai carabinieri, dove si è costituito raccontando quello che aveva
fatto.
Da quanto ha riferito ai militari, Esposito vantava un debito di oltre 100mila euro, frutto di compravendite di alcuni appartamenti effettuate qualche anno fa insieme a Toffoli. Gli appartamenti erano stati poi rivenduti e, secondo Esposito, queisoldi Toffoli se li sarebbe intascati. Esposito ha accompagnato i militari prima a casa per consegnare loro il fucile e poi all’orto dove c’era il cadavere di Toffoli.

Il pm, Salvatore Ferraro, ha disposto l’arresto di Esposito con l’accusa di omicidio volontario. Il 70enne adesso si trova in camera di sicurezza nella caserma di Follonica in attesa del trasferimento al carcere di Grosseto.

L'articolo Omicidio in Maremma: uccide ex socio a fucilate proviene da www.controradio.it.

Case ”fantasma” in Medio Oriente: truffato anche Ulivieri

Case ”fantasma” in Medio Oriente: truffato anche Ulivieri

Anche l’allenatore di calcio Renzo Ulivieri compare fra i nomi dei 66 truffati dall’organizzazione che prometteva la costruzione e la vendita di appartamenti e villette in località turistiche del Medio Oriente, vicenda per cui l’11 settembre 2018 inizierà un processo a Firenze contro otto imputati accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa.

Le case per le vacanze non furono mai costruite e gli otto indagati dell’inchiesta sono stati adesso rinviati a giudizio dal gup di Firenze Anna Liguori. Dalle indagini della guardia di finanza risulta che, come accaduto a danno di altre persone ingannate, Renzo Ulivieri nel 2010 fu convinto a stipulare l’acquisto di tre case-fantasma sul Mar Rosso, due a Marsa Alam, nel complesso da edificare ”Las Cabanas”, e uno a Marsa Matrouh, nel complesso in costruzione ”Almaza Bay”.

Gli imputati avrebbero ottenuto da Ulivieri un ingiusto profitto di circa 130.000 euro, soldi interamente versati per progetti mai decollati. “Un danno patrimoniale di rilevante gravità”, sottolineava la procura di Firenze nella sua richiesta di rinvio a giudizio.

Secondo le indagini, l’organizzazione era capeggiata e promossa da Roberto Melchiorri, 52 anni, originario di Torino ma abitante in Svizzera, il quale insieme a un altro imputato, Tomaso Magagna, 50 anni di Verona, avrebbe tenuto le fila di alcune società ”schermo” aperte in Gran Bretagna, Svizzera e Italia, usate come collettori per i denari raccolti fra la clientela. Ai vertici del sodalizio anche lo svizzero di Berna, Bassem Gobran, 47 anni, che per gli inquirenti era, anche lui, tra gli organizzatori del sodalizio dedito alle truffe: suo compito sarebbe stato di concordare segretamente con i complici l’apparente attività di vendita a favore in modo da attirare i pagamenti, anche parziali. I clienti erano avvicinati e informati dello stato di ”avanzamento” delle pratiche e dei lavori con appositi incontri. Alcuni meeting si sono tenuti in location esclusive di Firenze, come lo Sporting Club Ugolino, l’Hotel Villa degli Olmi e l’Hotel Michelangelo, strutture ignare, come i clienti truffati, della finalità di questi incontri commerciali.

L'articolo Case ”fantasma” in Medio Oriente: truffato anche Ulivieri proviene da www.controradio.it.

Annunciato il primo headliner per Firenze Rocks 2018: Guns N’ Roses

Annunciato il primo headliner per Firenze Rocks 2018: Guns N’ Roses

I Guns N’ Roses, band emblema del rock ‘n’ roll internazionale si esibirà in Italia con un’unica data il prossimo 15 giugno al Firenze Rocks presso la Visarno Arena (Parco delle Cascine).

Il Not In This Lifetime Tour ha venduto oltre 3 milioni di biglietti nel mondo tra 2016 e 2017 (uno dei tour rock di maggior successo dell’anno), dimostrando ancora una volta che il successo del genere e dei Guns N’ Roses è più florido che mai. Il tour ha fatto tappa anche in Italia con una data sold-out all’Autodromo di Imola lo scorso 10 giugno, dove la band ha mandato in visibilio i fan con il loro show.

Dopo la formazione del gruppo nel 1985, i Guns N’ Roses hanno da subito dominato la crescente scena rock di Los Angeles, grazie al loro atteggiamento sfrenato e travolgente. Hanno poi conquistato il mondo intero con la pubblicazione dell’album di debutto del 1987, Appetite for Destruction album di debutto più venduto di sempre negli Stati Uniti, che ha venduto oltre 30 milioni di copie.  Nel 1991, Use Your Illusion I e Use Your Illusion II (sette volte platino) hanno subito raggiunto i primi due posti della classifica Billboard Top 200. Nel corso degli ultimi dieci anni, i Guns N’ Roses si sono esibiti dal vivo in concerti sold-out e importanti festival in tutto il mondo, dopo la pubblicazione dell’acclamato Chinese Democracy del 2008. Sei lavori discografici dopo, i Guns N’ Roses sono ancora una delle band più importanti e influenti nella storia della musica, e continuano ad essere un punto di riferimento per milioni di fan in tutto il mondo. I Guns N’ Roses’ sono Axl Rose (voce, piano), Duff McKagan (basso), Slash (chitarra solista), Dizzy Reed (tastiere), Richard Fortus (chitarra ritmica), Frank Ferrer (batteria), e Melissa Reese (tastiera).

L'articolo Annunciato il primo headliner per Firenze Rocks 2018: Guns N’ Roses proviene da www.controradio.it.