Centri per l’impiego, i commenti di Poletti e Rossi all’accordo

FIRENZE - "Oggi abbiamo firmato un buon accordo che serve a creare il giusto rapporto  tra offerta e domanda di lavoro, dando finalità concreta alle politiche regionali di formazione e inserimento ed offrendo uno strumento operativo efficiente". Commenta così il presidente della Toscana Enrico Rossi la firma con il ministro del lavoro Giuliano Poletti dell'accordo transitorio sui  centri per l'impiego. "Oggi inoltre - aggiunge -  diamo finalmente sicurezza agli oltre mille lavoratori  diretti e indiretti dei centri per l'impiego toscani, cui corre l'obbligo di uno speciale ringraziamento per la pazienza che hanno dimostrato in questi mesi e per l'impegno che hanno mantenuto. Entro l'anno contiamo di siglare le convenzioni con le Province e la Città  Metropolitana, e avviare bene questo percorso da costruire con il miglior uso delle risorse  offerte dall'Europa e la migliore formazione dei lavoratori da inserire dove sarà richiesto".

"Sigliamo con la Regione Toscana il primo atto di un processo importante, da estendere a  tutte le altre Regioni che con il Governo hanno portato avanti una responsabile e condivisa politica di intesa in questa fase di transizione, per dare efficacia e concretezza alle politiche  attive di servizi per l'impiego" ha dichiarato il ministro Poletti.  L'obiettivo è offrire alla platea  più vasta l'opportunità di cercare e trovare un impiego che dia soddisfazione all'impegno  messo nel formarsi professionalmente.  "Facile dire - ha aggiunto - che nel resto d'Europa questi servizi funzionano meglio, ma impegnano 70mila persone contro le 7mila del nostro  Paese. Oggi avviamo un percorso che ci deve portare ai livelli degli altri creando un sistema virtuoso". Mantenendo attivi i centri e servizi per il lavoro, adottandoli alle nuove politiche attive ma anche potenziandoli.

I commenti sono chiusi