Cirk Fantastik! 2020 OltreConfine – tra utopia e realtà

Cirk Fantastik! 2020 OltreConfine – tra utopia e realtà

Il Festival di circo contemporaneo internazionale lascia i tradizionali chapiteaux e si sposta all’interno di spazi non convenzionali e all’aperto. Dal 2 al 6 settembre a Scandicci e dal 23 al 25 settembre a Firenze

La rassegna supportata da Scandicci Open City 2020 del Comune di Scandicci, si terrà dal 2 al 6 settembre al Parco e al Pomario del Castello dell’Acciaiolo, mentre dal 23 al 25 settembre ritornerà nel luogo in cui venne ospitata nella sua primissima edizione nel 2010, la Limonaia di Villa Strozzi.

Cirk Fantastik 2020 è un progetto di Aria Network supportato da Mibact, Fondazione CR Firenze, Comune di Scandicci – Scandicci Open City 2020. E patrocinato dal Comune di Firenze. Media partner: Quinta Parete, Juggling Magazine e Controradio.

Il Festival al Parco e al Pomario del Castello dell’Acciaiolo. Quest’anno la rassegna proporrà spettacoli molto diversi tra loro per aprire in altri spazi una finestra sulle potenzialità e sulla libertà espressiva del circo contemporaneo.

Presentato in numerosissimi Festival internazionali e premiato in tutto il mondo “Cartoon Toylete”di El niño del retrete, della Compagnia Teatro nelle Foglie, porta con sé un umorismo dissacrante e ironico. Uno spettacolo pieno di emozioni e di gioco dallo stile insolito, interpretato da un personaggio delirante. Acrobazie e risate a crepapelle sono assicurate (2 settembre).

Una ventata di aria fresca al repertorio del teatro di strada italiano. E “Nani Rossi Show”, spettacolo acclamato e premiato sia in Italia che in Svizzera. Sul palco virtuosismo acrobatico e giocolieristico eseguito con uno spirito comico infallibile ed elegante (2 e 6 settembre). I Nani Rossi porteranno al Cirk Fantastik anche un altro spettacolo, ossia “Caffè Doppio”, una storia tra giocoleria e acrobazie che mette in scena le speranze di due arditi barman nel loro giorno più elettrizzante: l’apertura di un caffè (3 e 5 settembre).

Con “Nuovo Cinema Circo” Raffaele De Ritis – regista, storico di circo tra i più prestigiosi al mondo e maggior collezionista internazionale di testimonianze filmate sul circo – propone un percorso inedito attraverso le tracce del circo nelle immagini filmate del Novecento. In forma di show, De Ritis guiderà il pubblico alla scoperta della scena internazionale abitata da artisti incredibili, numeri scomparsi, ma anche il “dietro le quinte” di un mondo eroico (4 settembre – ingresso libero).

Fra nuvole di polvere e carte ingiallite dal tempo Marta Finazzi, con lo spettacolo “Maldimar”, invita lo spettatore ad entrare nel proprio universo, fatto di corde e di nodi, di piccole magie quotidiane e di misteriosi ingranaggi. Una favola raccontata con il linguaggio del circo, un viaggio dentro la fantasia, per ballare coi propri sogni (3/6 settembre).

Piergiorgio Milano – coreografo e performer riconosciuto internazionalmente, la cui esperienza racchiude danza, circo, teatro e arti marziali – porta in scena al Cirk Fantastik! “Denti”, una “divertente tragedia”, uno spettacolo nato dalla suggestione di un sogno, metafora della lotta tra l’impossibilità di partire e il desiderio di dimenticare. Una scelta che sostiene l’esplorazione dei linguaggi da parte di Cirk Fantastik! nell’ospitare questa fusione di acrodanza e teatro fisico all’interno della rassegna. (4 settembre – consigliato dai 10 anni).

Con “Giulivo Baloon Show” (4 settembre) Giulivo Clown stupisce con gag inimmaginabili e irrazionali che prendono alla sprovvista lo spettatore coinvolgendolo emozionalmente e fisicamente, mentre con “Nodi Nudi” (5 settembre) il Teatro delle Foglie va in scena con giocoleria, tango, comicità e acrobazie per aria e per terra.

C’è poi “Davaiii” della compagnia DaCirk, un omaggio al circo tra coltelli e violoncello, tra ironia, musica e poesia visiva. Due amici gitani invitano il pubblico ad aiutarli ad aggiustare la loro casa ambulante e i loro cuori. Un intreccio assurdo di umore, acrobazie e poesia visiva, accompagnato dall’abilità musicale del violoncellista che risveglia le emozioni del pubblico fino a farlo identificare con la cordialità di Domichovsky e Agranov (5 settembre).

Infine “Boato” di Andrea Mineo (6 settembre): uno spettacolo che unisce il teatro di strada, clownerie e una ricerca personale sull’uso dei trampoli e dell’altezza come sfida.

Nel programma e all’interno del Festival anche laboratori gratuiti di circo per bambini dedicati alla sperimentazione delle discipline circensi, aperitivi con djset, food truck e mercatino artigianale.
Maggiori Informazioni, orari e ticket su https://scandicciopencity.ticka.it

L'articolo Cirk Fantastik! 2020 OltreConfine – tra utopia e realtà proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi