Ciuoffo su Arezzo Fiere: “Disponibili al dialogo se il Comune farà la sua parte”

FIRENZE - "Se il Comune è disponibile a fare la sua parte può star certo che la Regione continuerà a fare la sua. Se invece pensa di "mungere" la mucca di Arezzo Fiere e che a noi spetti soltanto di ripianare i deficit, temo sbagli strategia".

Non lascia posto ad equivoci la risposta dell'assessore regionale alle attività produttive e al commercio, Stefano Ciuoffo, sulla polemica sollevata dal sindaco Alessandro Ghinelli su Arezzo Fiere.

 

"Mi stupisco – aggiunge l'assessore regionale – che il sindaco si stupisca dell'atteggiamento della Regione, una scelta sollecitata da quella del Comune che (unico esempio in Italia) prima porta la questione in tribunale e carica di 1,6 milioni di euro di debiti il bilancio dell'Ente fiera, sottraendogli risorse, poi parla di squilibrio tra il peso della Regione e quello del Comune. Bene: se il Comune è disponibile a rilevare le nostre quote e ad assumersi la gestione di Arezzo Fiere, ne siamo ben felici. Il dialogo lo abbiamo sollecitato da tempo e non abbiamo quindi nessuna difficoltà a metterlo in pratica".

 

La Regione sottolinea infine che il Comune di Arezzo finora ha sempre mostrato rigidità rispetto all'appello lanciato dal socio di maggioranza agli altri soci perchè ciascuno facesse la sua parte, ma che se adesso è disponibile a sedersi in torno ad un tavolo per ragionare insieme su quale sia la migliore progettualità per garantire ad Arezzo Fiere un futuro, questo cambio di atteggiamento è da salutare positivamente.

I commenti sono chiusi