Colonna danneggiata: Schmidt presenta denuncia ai carabinieri

Colonna danneggiata: Schmidt presenta denuncia ai carabinieri

Intanto, dopo i primi sopralluoghi e la verifica dei danni, intorno al pilastro, già messo in sicurezza, sono iniziati da parte dei tecnici della soprintendenza degli Uffizi i lavori di ripristino che dovrebbero andare avanti per circa tre settimane.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt ha presentato denuncia ai carabinieri per il danneggiamento del pilastro del Corridoio Vasariano avvenuto ad opera di un camion stamani a Firenze.  Secondo quanto appreso il direttore ha presentato la sua denuncia direttamente ai militari del nucleo per la tutela e la conservazione del patrimonio artistico.

Il conducente del camion è un italiano 50enne, residente nel napoletano, l’uomo che si trovava alla guida del camion che questa mattina ha urtato e danneggiato una colonna del porticato del Corridoio Vasariano a Firenze. La polizia municipale è riuscita a risalire alla sua identità attraverso la ditta proprietaria del mezzo, ripreso dalle telecamere.

L’uomo è stato multato per danneggiamento, inversione vietata e imprudenza nelle manovre per complessivi 378 euro di sanzioni e un taglio di 12 punti sulla patente. Rischia anche, secondo quanto si spiega dagli investigatori, una denuncia per danneggiamento di monumenti di interesse storico. Emessa nei suoi confronti anche la sanzione dell’obbligo di ripristino dello stato dei luoghi.

Mentre sul caso, l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti ha affermato: “L’area pedonale non avrebbe impedito il verificarsi di un episodio di questo tipo. Il veicolo che ha causato il danno durante una manovra è infatti un mezzo del trasporto merci che, per il servizio che svolge, è autorizzato anche al transito nelle zone pedonalizzate”.

L’assessore ha poi ricordato che da settembre è iniziato un lavoro per la revisione generale della ztl.

 

 

L'articolo Colonna danneggiata: Schmidt presenta denuncia ai carabinieri proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi