Confronto religioso e culinario all’Istituto Sangalli di Firenze con Monica Barni

FIRENZE - Falafel, Tagine di pollo alla frutta secca, Kofta, Cous Cous alle verdure, Hummus e Nummoora. Sono i piatti islamici che, grazie all'impegno degli studenti dell'Istituto Alberghiero ‘Aurelio Saffi' di Firenze, verranno degustati in occasione del secondo appuntamento del ciclo La religione è servita. Ebrei, cristiani e musulmani si incontrano… a tavola, un percorso non solo culturale, storico, religioso, ma anche gastronomico, pensato e realizzato a Firenze dall'Istituto Sangalli per la storia e le culture religiose.

L'appuntamento è fissato per martedì 10 maggio alle 18 nella sede dell'Istituto di ricerca in Piazza di San Firenze 3. Interverranno  Monica Barni, vicepresidente e assessore regionale alla cultura che introdurrà l'evento, e l'Imam di Firenze e presidente UCOII Izzeddin Elzir, che illustrerà i significati religiosi e simbolici della tradizione culinaria islamica.

Scopo del ciclo di incontri è rafforzare la conoscenza reciproca fra le tre grandi religioni monoteiste e favorire un clima di dialogo all'insegna della comprensione delle diverse abitudini alimentari. Il valore simbolico del cibo e l'atmosfera conviviale che si crea con le degustazioni sono elementi importanti per andare nella direzione di una convivenza pacifica e multiculturale.

I commenti sono chiusi