Conte, a Firenze nel 2021 evento per “nuovo umanesimo”

Conte, a Firenze nel 2021 evento per “nuovo umanesimo”

“Firenze si dimostra la città di elezione, la sede più idonea a ospitare per la sua sensibilità, un grande confronto internazionale: siamo d’accordo col sindaco Dario Nardella che all’inizio dell’anno prossimo ci ritroveremo a Firenze per discutere, approfondire e dare sostanza concreta al nuovo umanesimo. Sarà un grande evento internazionale. Non stiamo parlando di uno slogan ma di un manifesto di idee e valori che vogliamo tradurre in prassi e azioni. Per contaminare il mondo intero come già in passato”. Lo dice il premier Giuseppe Conte al festival dell’economia civile di Firenze.

Consegnate le Chiavi della Città di Firenze agli organizzatori del Festival dell’Economia civile
che si conclude oggi a Palazzo Vecchio e che è promosso da Federcasse e Confcooperative. Le Chiavi sono andate a Leonardo Becchetti, direttore del Festival Nazionale dell’Economia Civile e co-fondatore di NeXt; Augusto Dell’Erba, presidente di Federcasse; Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative; Stefano Zamagni, professore di economia politica all’Università degli Studi di Bologna e Presidente Pontificia Accademia Scienze Sociali; Luigino Bruni, cofondatore e ora presidente della Scuola di Economia Civile.
La cerimonia si è svolta stamane nel salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio durante la terza giornata della seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia civile. A consegnare le Chiavi della città agli organizzatori del festival il sindaco Dario Nardella con varie motivazioni. A Stefano Zamagni “per i suoi studi pioneristici e l’impegno incessante nella diffusione dell’Economia Civile”; a Luigino Bruni “per il suo costante  impegno nello studio e nella divulgazione dell’Economia Civile”; a Leonardo Becchetti “per l’impegno senza sosta nello studio, nella formazione, nella divulgazione e nella traduzione in policy pubbliche e stili di vita individuali dell’Economia e
della Finanza civili”; a Augusto Dell’Erba “per l’impegno di Federcasse e del Credito Cooperativo per lo sviluppo sul piano scientifico e culturale e la declinazione quotidiana dei
princìpi dell’Economia e della Finanza civili nelle comunità”; a Maurizio Gardini “per l’impegno di Confcooperative e delle cooperative per l’attuazione dei princìpi dell’Economia civile  in tutti i settori dell’Economia”. “”Un gesto che esprime bene la gratitudine mia e della comunità fiorentina alle donne e agli uomini che hanno dato vita a questo appuntamento, un festival, sì, ma anche e soprattutto un luogo di ascolto, riflessione, discussione, partecipazione, creazione. – ha detto il sindaco Nardella – Non è un caso che la manifestazione sia nata e fiorita a Firenze, città patrimonio dell’umanità, i cui scienziati, artisti, filosofi, inventori sono parte integrante e cruciale del pensiero occidentale e della cultura moderna. Firenze ha il compito di essere, come diceva il grande sindaco La Pira, la ‘città sul monte’, capace di illuminare il pensiero, indirizzare i grandi processi, anticipare idee e invenzioni. Con la consegna delle chiavi della città va quindi a tutti loro un grande grazie per questa iniziativa importante, per ciò che hanno fatto come docenti, imprenditori e rappresentanti di associazioni e uno stimolo a proseguire con tenacia e energia questo percorso”.

L'articolo Conte, a Firenze nel 2021 evento per “nuovo umanesimo” proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi