Cooperativa di comunità di Corezzo, Bugli: “Strumenti per aiutare sviluppo territori marginali”

FIRENZE – Esperienze positive, che nascono dal ‘basso' e che Regione e istituzioni sono pronte a sostenere a vantaggio dello sviluppo dei territori più isolati e marginali. L'assessore regionale alla presidenza Vittorio Bugli era ieri a Corezzo, in Casentino, Comune di Chiusi della Verna (AR), all'inaugurazione della cooperativa di comunità ‘Vallesanta'. Il progetto presentato dalla cooperativa prevede la riscoperta di un prodotto tipico di Corezzo: il tortello alla lastra. Dalla produzione, con materie prime come il grano e le patate della zona, al confezionamento fino alla promozione e vendita del prodotto finito. La struttura polivalente della Pro Loco di Corezzo, di proprietà del Comune, ospiterà il laboratorio di produzione.

La Regione Toscana è promotrice del progetto sulle cooperative di comunità. Uno dei venticinque finanziati con 1 milione e 200 mila euro. "Interveniamo – ha detto  Vittorio Bugli – sia nella fase di nascita delle coop che in quella di rafforzamento di quelle già esistenti. Esperienza positiva, come altre analoghe che inauguriamo nei territori, dove le comunità locali dimostrano di essere presenti e protagoniste. L'idea di base della cooperativa di comunità è farla nascere per allargare la capacità produttiva e chiudere la filiera: non solo produzione ma anche trasformazione e commercializzazione di un prodotto per farlo diventare di successo sul mercato. Con questa base economica la cooperativa gestisce anche servizi di utilità pubblica".

"Abbiamo deciso di sostenere queste iniziative – ha aggiunto Bugli - partendo da esperimenti di collaborazione. All'interno della cooperativa ci sono sia soggetti che fanno parte della piccola economia e soggetti del territorio. Diventano strumenti per aiutare territori marginali a ripopolarsi; le attività che si sviluppano dalle cooperative, in questo caso per la produzione e la vendita del tortello alla lastra, possono dare forte impulso allo sviluppo ma anche diventare strumenti di promozione turistica di zone meno battute, ma ricche di tesori culturali e paesaggistici. Vogliamo aiutare queste iniziative, provenienti da persone che vivono nel territorio, perché la loro passione è così forte da farla diventare il collante per la gestione di servizi utili per tutte le persone che vivono questi paesi".

Alla presentazione della cooperativa di comunità hanno partecipato tutte le associazioni promotrici del progetto e il sindaco di Chiusi della Verna, Giampaolo Tellini, che si è detto grato alla Regione per questa occasione che viene data a un territorio marginale il quale, grazie all'impegno della sua comunità, potrà far sviluppare il progetto per la produzione del tortello alla lastra.

I commenti sono chiusi