Cooperazione: la Toscana consegna due defibrillatori allo Yemen

Cooperazione: la Toscana consegna due defibrillatori allo Yemen

Stamattina la visita della delegazione della Repubblica dello Yemen per la definizione di accordi di cooperazione sanitaria con la Toscana a causa della forte emergenza sanitaria del paese.

E’ proseguita stamattina la visita della delegazione della Repubblica dello Yemen per la definizione di alcuni accordi di cooperazione sanitaria. La delegazione, guidata dal Rettore Magnifico dell’Università di Aden Al-Khader Nasser Ahmed Laswar e dal Direttore Generale dell’Ospedale Pediatrico di Aden Mohamed Salem Mohamed Ba Azab, insieme all’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi, ha incontrato il presidente della Fondazione Ginevra Olivetti Rason, Giampaolo Olivetti Rason, il quale ha donato ai rappresentanti yemeniti due defibrillatori.

“In questi giorni – ha spiegato Stefania Saccardi – gli ospite yemeniti hanno avuto vari altri incontri per definire tutta una serie di misure di aiuto e sostegno sanitario del loro paese che sta attraversando un’emergenza sanitaria di proporzioni enormi. Insieme alla delegazione abbiamo incontrato molti professionisti del Servizio Sanitario Regionale e messo in piedi alcuni accordi di cooperazione sanitaria. Oggi la Fondazione Ginevra Olivetti Rason ha dato il proprio contributo con la consegna di due defibrillatori”.

“Siamo lieti – ha dichiarato il presidente della Fondazione Giampaolo Olivetti Rason – di poter dare il nostro modesto aiuto per una causa così importante. Un ringraziamento va all’assessore Saccardi per la consueta sensibilità mostrata oltre che al Console, il professor Bastianelli, e al professor Persiani”.

All’incontro odierno hanno partecipato anche il Console della Repubblica dello Yemen il Professore Guido Bastianelli ed il Professore del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università di Firenze Niccolò Persiani.

L'articolo Cooperazione: la Toscana consegna due defibrillatori allo Yemen proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi