Costi energia aree crisi complessa, Rossi chiede incontro a ministro Guidi

FIRENZE – Un incontro con il ministro dello sviluppo economico Federica Guidi per individuare una soluzione positiva al tema che riguarda la competitività dei costi energetici delle aree di crisi complessa di Piombino e Livorno. Lo ha richiesto il presidente Enrico Rossi con una lettera inviata pochi giorni fa.

La richiesta di Rossi riguarda la possibilità di assegnare gli incentivi nazionali previsti per le aziende cosiddette energivore, ovvero a forte consumo di energia elettrica, al polo di Piombino e alla Solvay di Rosignano, in modo da poter abbattere i costi energetici ed evitare lo svantaggio di costo che ne deriva rispetto ai principali competitors italiani ed internazionali.

"Finora – ha detto Rossi – nel corso degli incontri tecnici non è stata trovata una soluzione percorribile su questo punto. Pertanto, anche alla luce dei comuni impegni sottoscritti, chiedo un impegno diretto al governo nella speranza di individuare una soluzione". Nei due accordi di programma per l'area livornese e per Piombino vi sono capitoli importanti dedicati ad una questione che è fondamentale per il consolidamento ed il rilancio delle attività industriali. Sono stati fatti passi in avanti nel confronto in sede tecnica, ma non ancora tali da far ritenere raggiunti gli impegni che il Governo ha assunto col territorio. Da qui la richiesta di incontro.

 

I commenti sono chiusi