Crollo Genova, Metrocittà Firenze: “monitoraggio costante opere”

Crollo Genova, Metrocittà Firenze:  “monitoraggio costante opere”

La Città metropolitana sottolinea inoltre che “non sono presenti sul territorio provinciale opere per importanza, e soprattutto per età, analoghe al ponte crollato a Genova, e gli uffici tecnici non rilevano situazioni che possano essere considerate particolarmente pericolose nel territorio metropolitano fiorentino”.

La viabilità di competenza della Città metropolitana (Metrocittà) di Firenze è “sotto costante monitoraggio”, gli uffici tecnici “non rilevano situazioni che possano essere considerate particolarmente pericolose”, come nel caso del ponte Morandi a Genova, e nei prossimi mesi è previsto “l’avvio di una campagna straordinaria d’indagine e d’intervento” a tappeto su ponti e viadotti. Lo sottolinea la Città metropolitana fiorentina.

L’ente spiega, in una nota, che il Decreto strade e dalla legge di bilancio del 2017 dello scorso Governo ha assegnato alla Metrocittà di Firenze 2,1 milioni per il 2018, e 5,2 milioni l’anno dal 2019 al 2023, per la manutenzione della viabilità che consentiranno nei prossimi mesi “l’avvio di una campagna straordinaria”. “Sono risorse destinate solo a studi, approfondimenti e manutenzioni – si legge – esclusivamente per le strade di competenza provinciale.

Si parte con un monitoraggio straordinario a tappeto che consentirà di avere il quadro preciso per tutti i ponti e viadotti, per poter avviare la pianificazione di tutte le attività a partire dal 2019”. La Città metropolitana di Firenze sottolinea inoltre che “non sono presenti sul territorio provinciale opere per importanza, e soprattutto per età, analoghe al ponte crollato a Genova, e gli uffici tecnici non rilevano situazioni che possano essere considerate particolarmente pericolose nel territorio metropolitano fiorentino”. Costanti anche il monitoraggio e la manutenzione sul tratto di competenza della Fi-Pi-Li.

L'articolo Crollo Genova, Metrocittà Firenze: “monitoraggio costante opere” proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi