Dal Baltico all’Egeo, Regioni marittime d’Europa alla ribalta, da giovedì Crpm al via

FIRENZE – Si parlerà di migrazioni e di migranti, di politiche di coesione e del futuro dei fondi europei, di autostrade del mare e di energia, di collegamenti ferroviari e stradali, di clima e finanza. Si parlerà delle isole e dei problemi che le accomunano a tutte le latitudini, di tutto quello che si muove e fa muovere chilometri di territori europei lambiti dal mare, distese di costa che disegnano i margini di un continente e spesso lo identificano, costituendone la principale porta di accesso, da Sud come dall'estremo Nord, dalle Orcadi a Creta, dal mar Baltico all'Egeo. Si parlerà finlandese e francese, catalano e greco, spagnolo, italiano, svedese, con l'inglese come lingua ufficiale ma con l'obiettivo di arrivare, prima o poi, a intendersi su tutto o comunque su molto, anche senza parlare la stessa lingua.

E' questo il senso della 43esima assemblea generale della Conferenza delle regioni periferiche marittime (Crpm) che per due giorni terrà i suoi lavori a Firenze, all'interno di Firenze Fiera, (Palaffari, piazza Adua), Firenze, entrando nel vivo domani, giovedì 5 e venerdì 6 novembre, dopo un avvio tecnico nel pomeriggio di oggi, mercoledì 4 novembre.

Al via giovedì pomeriggio Moltissimi gli ospiti e le delegazioni regionali presenti ai massimi livelli. A tutti il presidente della Regione Enrico Rossi darà il benvenuto giovedì alle 14.30, per l'inaugurazione ufficiale. Con lui ci saranno Antonio Tajani e il presidente della Crpm - e governatore delle Azzorre - Vasco Cordeiro. Si entrerà subito nel vivo con la sessione sul bilancio, aperta dal segretario generale della Conferenza, la greca Eleni Marianou, che presenterà anche il nuovo sito web della Crpm.

Migranti e migrazioni Seguirà una sessione dedicata alle migrazioni, al ruolo e alle proposte delle Regioni su questo caldissimo fronte. Alla discussione sono stati invitati rappresentanti della Regione Campania, della Regione Sicilia, della Calabria (con il presidente Mario Oliverio).
Con loro anche Christiana Calogirou della Regione Nord Egeo e Georgios Hatzimakis della Regione Sud Egeo. L'introduzione sarà fatta da Christos Stylianides, commissario europeo per l'aiuto umanitario e le gestione di crisi.

Accessibilità e collegamenti Venerdì si parte alle 9 con focus sull'accessibilità e i collegamenti marittimi fra le periferie d'Europa e, in particolare fra le isole e il continente. Presiede il vice presidente della regione francese del Nord pas de Calais Wulfran Despicht. Fra i partecipanti la parlamentare europea Ines Ayala Sender. Marc Pons i Pons, della regione spagnola delle isole Baleari, farà presenti le priorità e i problemi delle isole.

Politica di coesione Le regioni periferiche e marittime al centro del dibattito sulle politiche di coesione dopo il 2020 è il tema della sessione coordinata dal senatore Claudio Martini, già presidente della Regione Toscana e vicepresidente della Crpm, cui spettano le conclusioni. L'introduzione sarà a invece a cura del presidente toscano Enrico Rossi. Partecipano, fra gli altri, il parlamentare europeo Jan Olbrycht, il direttore della DG Regio della Commissione Europea Mikel Landabaso. Verrà presentato uno studio della Crpm sul ruolo delle regioni nella politica di coesione, con le regioni Murcia, Sardegna, Cornovaglia.

Clima ed energia L'applicazione dell'unione energetica alle regioni marittime e il loro ruolo nell'accordo climatico globale dopo il 20202 saranno al centro della sessione che si terrà a partire dalle 13.30, cui parteciperanno fra gli altri l'assessore all'ambiente della Regione Lazio Fabio Rrefrigeri e il presidente della Commissione isole della Crpm Steven Heddle, governatore della regione delle Isole Orcadi. Ancora saranno presenti la Regione di Helsinki, il governo basco e Dominique Ramard assessore all'ambiente della Regione Bretagna.

Europa blu e crescita sostenibile Dalle 14.45, la sessione si occuperà di politica marittima integrata e ne discuterà, fra gli altri, il capo unità della dg mare della Ce Haitze Siemers, con il presidente della Commissione Mare del Nord  Tom-Christer Nielsen, con il ministro della regione Nord Hordaland Cees Loggen e rappresentanti delle francesi Rossiglione-Linguadoca e Aquitania, della greca Ionia Nisia. Conclusini a cura di Georges Alexakis vicepresidente Crpm per gli affari marittimi e consigliere della regione Creta.

Dichiarazione finale La giornata di lavoro si chiuderà con approvazione della dichiarazione finale presentata dal Vasco Cordeiro e Eleni Marianou, cui seguiranno votazione del bilancio e altri adempimenti istituzionali.

Leggi il programma completo

 

I commenti sono chiusi