DI SEGNALE IN SEGNALE

Quelli in questione sembrano pure banalità a confronto con il resto. Eppure, gioco forza, anche continuare a raccontare la normalità (tanto più in termini sportivi) è un modo per non arrendersi a logiche del terrore.

I commenti sono chiusi