Difesa del suolo, partono nel 2016 gli interventi per 2 milioni e 600mila euro nella Piana pistoiese

FIRENZE – La difesa del suolo sarà guidata da un unica strategia per tutta la Toscana: nel 2016 partiranno 200 interventi molti dei quali si concluderanno nel prossimo triennio per un totale di 195 milioni di euro.

E' in questo programma che rientrano anche le opere nella Piana pistoiese, in particolare la cassa di espansione di Pontassio nel comune di Quarrata per un importo di 2 milioni e 500mila euro. Lo stabilisce il nuovo Documento operativo per la difesa del suolo approvato ieri dalla giunta regionale che segna il nuovo approccio al tema della mitigazione del rischio idraulico programmando opere in tutta la Toscana per 170 milioni (già finanziati) e aggiungendo nuove risorse per 25 milioni di euro (di cui 10 milioni per opere realizzate dalla Regione, 13 milioni per opere realizzate gli Enti locali, e il rimanente per studi).

Gli interventi

Sono tre gli interventi previsti con ente attuatore la Regione con il Genio Civile Valdarno Centrale:

  • A Quarrata la realizzazione del secondo lotto della cassa di laminazione di Pontassio sul torrente Stella c per un importo di 2 milioni e 500mila euro.
  • A Pistoia, la progettazione della cassa di espansione Podere Betti in riva sinistra dell'Ombrone, per un importo di 30mila euro;
  • A Montale la cassa di espansione sul fosso della Badia e risagomatura degli argini dei relativi fossi per un importo di 60mila euro.

Gli studi

Tra gli studi per l'implementazione delle conoscenze si segnala lo studio portato avanti dall'Università di Firenze, Dipartimento di Scienze della terra in collaborazione con il Lamma per monitorare da satellite i movimenti franosi e le strutture arginali su tutta la Toscana e l'altro che servirà a dare impulso ai Contratti di Fiume istituendo un tavolo regionale con lo scopo di mettere a disposizione risorse per sviluppare questa preziosa attività sul territorio.

L'attività dei Consorzi di Bonifica

Nella strategia unica di difesa del suolo delineata dal Documento operativo è compresa anche la manutenzione ordinaria e straordinaria dei corsi d'acqua già finanziata dai Consorzi di Bonifica per un totale di 16 milioni di euro che vanno a aggiungersi ai 190 milioni.

L'attività contenuta nel Documento operativo e la gestione stessa dei lavori dei Consorzi sarà sovrintesa da un protocollo tra Regione Toscana, Anci e Anbi che sarà firmato nei prossimi giorni.

I commenti sono chiusi