Enrico Rossi a SanitàdiTutti: “Le idee camminano con le gambe delle persone”

FIRENZE - "Un'iniziativa molto bella, ringrazio l'assessore Saccardi per averla pensata. In questo modo si da' un senso di appartenenza alle persone, ed escono idee importanti. Diceva un mio maestro che le idee camminano con le gambe delle persone. Se non ci sono le persone convinte che queste idee sono giuste, queste idee rimangono come prosciutti appesi al soffitto". Il presidente Enrico Rossi e' intervenuto oggi all'iniziativa "SanitàdiTutti", a Spazio Reale a San Donnino, e dopo aver passato un paio d'ore a colloquio con i cittadini, gli operatori, gli amministratori locali presenti, ha rivolto dal palco un saluto a tutti.

"La nostra sanità e' un sistema di oltre 50.000 persone - ha detto - Un mondo grandissimo, che tutte le mattine si alza, e spesso sta sveglio anche la notte, per servire i cittadini della Toscana, farsi carico della loro sofferenza. Come puoi pensare di innovare se non coinvolgi queste persone? L'assessore mi diceva che intende ripetere questa iniziativa: la trovo una cosa bella e intelligente".

Rossi e' entrato nello specifico della legge di riforma della sanità. "Decidemmo di fare la riforma prima della fine della legislatura, perché se non l'avessimo fatta la situazione ci sarebbe scivolata di mano. Dal primo gennaio 2016 partirà il nuovo assetto organizzativo. Se ce la fossimo presa più comoda, nel 2016 ne avremmo parlato, nel 2017 ne avremmo discusso, e nel 2018 avremmo avuto la legge. Io mi sono preso la responsabilità di accelerare. Ora si tratta di fare correzioni e aggiustamenti, ma la struttura c'è".

"Il Servizio sanitario nazionale - ha sottolineato Enrico Rossi - e' un'infrastruttura civile decisiva per il benessere e la felicità del nostro Paese. Questo servizio ha dato buone prove di qualità e controllo della spesa e va mantenuto. In altri tempi - ha ricordato ancora - la sanità toscana e' stata portata a esempio per salvare il Servizio sanitario nazionale, la sanità in Italia e' stata salvata anche grazie alla Toscana. Ora siamo in un altro passaggio delicato. Vogliamo una sanità pubblica, universalistica, di qualità, e la Toscana può dare l'esempio. Appropriatezza, specializzazione, qualità delle cure. Rendere compatibile la qualità del servizio con le risorse limitate che abbiamo a disposizione. Queste sono le sfide. Noi siamo partiti in corsa. Faccio appello a tutti voi: se spiegate, il corpo e il cuore della sanità possono capire e reagire bene".

Enrico Rossi ha ripercorso la storia della sanità toscana e delle sue trasformazioni: "La riforma Chiti, realizzata da Claudio Martini, salvo' la sanità toscana. Se non l'avessimo fatta, la qualità dei servizi non sarebbe progredita. Ora siamo in un passaggio analogo. La qualità dei servizi e il controllo della spesa e' bene riportarli a una dimensione più ampia".

E ha concluso sulle prospettive della sanità italiana e toscana: "111 miliardi non sono pochi, ma neppure tanti. Ci aspettavamo di più. Ma il Fondo sanitario e' destinato a crescere negli anni. Intanto portiamo a casa questo risultato. Il Servizio sanitario nazionale rimane un pilastro, un'infrastruttura civile sulla quale vogliamo continuare a scommettere. Se in questi anni la sanità ce l'ha fatta, si deve soprattutto all'impegno dei tanti operatori che ne fanno parte".

Vai allo Speciale SanitàdiTutti

Guarda la Galleria fotografica

I commenti sono chiusi