Erp Livorno, Ceccarelli: “Se 10 milioni sono pochi, il Comune aggiunga gli introiti del contratto Casalp”

FIRENZE - "I provvedimenti che abbiamo varato durante questa estate consentiranno a Casalp di mettere mano a oltre 1.500 alloggi per ristrutturazioni, manutenzioni, ripristini e costruzione di nuovi appartamenti. In un quadro come quello nel quale siamo costretti a muoverci, mi pare che non sia poca cosa dare una prima risposta concreta all'emergenza casa nella città di Livorno". Così l'assessore regionale alla casa Vincenzo Ceccarelli replica all'assessore livornese Ina Dhimgjini, che - riferendosi all'investimento di 10 milioni di euro autorizzato dalla regione per interventi di manutenzione straordinaria e per la realizzazione del primo lotto delle nuove case erp in via Giordano Bruno - aveva parlato di milioni che "arrivano in ritardo e comunque non sono sufficienti".  

"Se l'assessore Dihimjini - prosegue Ceccarelli - anzichè lamentarsi ed additare il bicchiere mezzo vuoto avesse cominciato da quando è in carica a destinare all'edilizia residenziale pubblica il milione e mezzo che ogni anno il Comune di Livorno introita da Casalp in base al vigente contratto di servizio, oggi potremmo sommare quei soldi all'azione regionale, con grande soddisfazione di tutti". 

I commenti sono chiusi