Ferragamo premiati come ambasciatori di Firenze nel mondo

Ferragamo premiati come ambasciatori di Firenze nel mondo

Firenze, il Premio ‘Giovanni Dalle Bande Nere’ alla famiglia Ferragamo in qualità di ‘ambasciatrice di Firenze nel mondo’.

Il riconoscimento è promosso dalla Compagnia de’ semplici, associazione che dal 1996 promuove iniziative per la valorizzazione della cultura fiorentina e della fiorentinità, ed è stato consegnato nei giorni scorsi nella cornice di Palazzo Spini Feroni, sede e simbolo del marchio Ferragamo fin dal 1938.

A conferire il premio, spiega una nota, il presidente dell’associazione Andrea Calistri, alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella.

I partecipanti alla cerimonia hanno potuto anche prendere parte a una visita privata al palazzo e al Museo Ferragamo.

“Abbiamo scelto di premiare i membri della famiglia Ferragamo con il titolo di ‘ambasciatori di Firenze nel mondo’ – ha spiegato Calistri – per tutto quello che durante la loro lunga attività hanno saputo rappresentare nel mestiere della moda e della calzatura, diventando uno dei simboli della fiorentinità riconosciuto a livello globale”.

“La nostra sede è sempre stata a Firenze – ha spiegato Giovanna Gentile Ferragamo -. Mio padre, al rientro dal periodo americano, scelse Firenze perché città d’arte e luogo di forte tradizione artigianale. Oggi continuiamo a consolidare il rapporto con questa città e ci piace impegnarci anche a favore delle attività culturali ed al restauro di alcuni beni architettonici”.

Per il sindaco Nardella, “le intenzioni che muovono la Compagnia de’ semplici sono legate alla scoperta e alla valorizzazione di Firenze” e “quest’anno non potevate fare scelta migliore, consegnando il premio alla famiglia Ferragamo, per la quale il 2018 è stato un anno doloroso per la scomparsa di una donna straordinaria come Wanda Ferragamo. Un bel modo di fare tesoro di ciò che Wanda e Salvatore hanno fatto per Firenze”

L'articolo Ferragamo premiati come ambasciatori di Firenze nel mondo proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi