Festival del Viaggio, parte il 7 giugno da Firenze l’edizione 2016

FIRENZE - L'undicesima edizione del Festival del Viaggio, il primo festival italiano dedicato a chi ama viaggiare organizzato dalla Società Italiana dei Viaggiatori, "conferma il successo di questa manifestazione, che la Regione ha sempre sostenuto, tanto da diventare un punto di riferimento". Lo ha affermato la vicepresidente Monica Barni, presentando stamani il programma insieme all'ideatore del festival Alessandro Agostinelli e al direttore di Toscana Promozione Turistica, Alberto Peruzzini: a Firenze dal 7 al 12 giugno, col tema Viaggiatori in cammino; a Palermo dall'11 al 17 giugno, col tema Il gene del viaggiatore.

"Nell'anno dei cammini annunciato dal Mibact – ha aggiunto Barni – il tema analogo scelto in tempi non sospetti dal Festival del  Viaggio risulta perfettamente in sintonia con una tendenza del nostro tempo, tesa a valorizzare in tal modo angoli belli e meno conosciuti della nostra terra. Fuori da percorsi fin troppo battuti e da modalità affrettate di approccio ai tempi di viaggio, cultura e turismo si intrecciano in modo strettissimo". "C'è un gene che distingue i viaggiatori dagli stanziali – ricorda Agostinelli – ed è di questa benefica malattia dell'altrove che facciamo vetrina anche stavolta. Soprattutto mettendo i viaggiatori in cammino; verso nuove esperienze".

In questa undicesima edizione sarà un valore aggiunto la collaborazione con Toscana Promozione Turistica, che fornirà una bussola per raccontare i cammini della Francigena e tutto quello che va di moda in questo ultimo periodo: viaggiare a piedi. Infatti, il piatto ricco del programma fiorentino saranno la passeggiata urbana con Maria Paternostro lungo le rotte della street art, cioè dei maggiori artisti contemporanei (Clet, Blub, Exit Enter) che hanno messo se stessi alla prova con i muri cittadini e che si concluderà al Nof Club, e la scalzeggiata di Marzia Maestri alle Cascine, una lunga passeggiata a piedi scalzi per riappropriarsi dell'energia vitale profonda.

Ma si parlerà anche di viaggi a piedi con lo scrittore Luigi Nacci e il direttore di Toscana Promozione Turistica Alberto Peruzzini a partire dal libro "Viandanza", edito da Laterza per approdare ai cammini toscani. Invece, alla Libreria On the Road, sarà presente la veneziana Elena Dak col suo ultimo libro edito da Corbaccio "Io cammino con i nomadi".

Grande spazio anche per le immagini. Allo Spazio Alfieri il fotografo russo Oleg Kugaev presenterà, in anteprima europea la mostra fotografica sulla Siberia. Mentre alla Fondazione Studio Marangoni, dopo le uscite sul New York Times, saranno esposte, per la prima volta in Italia le grandi fotografie di Rocco Rorandelli, scattate dall'alto con un drone e con soggetti i migranti che dalla Siria si spostano verso il continente europeo: un affresco desolante e potente di gente che fugge dalla guerra e si mette in cammino per necessità.

Ancora allo Spazio Alfieri giovedì 9 giugno saranno proiettati due documentari russi e tre documentari italiani, uno dei quali sarà scelto e votato dal pubblico e vincerà il concorso DOC Travel. Ma l'apertura del Festival a Firenze, il 7 giugno al Gabinetto Vieusseux in Palazzo Strozzi, sarà tutto occupato da uno dei più affascinanti mezzi di trasporto di tutti i tempi: il dirigibile. Ne parlerà e farà visionare modelli e progetti Max Pinucci.
 

I commenti sono chiusi