Firenze: guida pullman turistico con solo patente B, multato

Firenze: guida pullman turistico con solo patente B, multato

Sanzioni per oltre 5.000 euro e fermo amministrativo del veicolo, mancava anche abilitazione professionale.

Guidava un pullman con a bordo 20 studenti statunitensi con soltanto una patente di categoria B ma è stato colto sul fatto dalla Polizia Municipale. Per il conducente alle sanzioni previste dal Codice della Strada ha anche proceduto con il fermo del  veicolo. Il fatto è avvenuto questa mattina quando una pattuglia della zona centrale della Polizia Municipale, nell’ambito di un controllo mirato alla sicurezza stradale, ha visto passare un pullman turistico in viale Galilei con a bordo dei giovani passeggeri. Gli agenti l’hanno seguito fino a via di San Felice a Ema dove l’hanno fermato.

Da un controllo sui documenti però è emerso che l’autista, un 45enne residente in provincia di Firenze, non era più titolare della patente di categoria D dal 2012 anno in cui gli era stata revocata perché, avendo commesso numerose violazioni, aveva finito i punti a sua disposizione. In questo caso infatti i guidatori devono sostenere nuovamente un esame per riottenere la patente. L’autista però fino ad oggi è riuscito a riprendere soltanto la patente di tipo B non sufficiente per guidare un pullman.

Questa mattina quindi gli agenti della Polizia Municipale non hanno potuto fare altro che contestargli  numerosi verbali con relative sanzioni: una da 5.000 euro per guida con patente di categoria diversa con fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi; una seconda 400 euro  perché non aveva il certificato di abilitazione professionale alla guida con relativo fermo amministrativo del veicolo per 60 giorni nonché ulteriori 81 euro per il divieto di transito all’interno della ZTL bus. Inoltre la Polizia Municipale notificherà un ulteriore verbale da 389 euro al proprietario del veicolo per l’incauto affidamento

L'articolo Firenze: guida pullman turistico con solo patente B, multato proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi