Firenze: Nardella presenta la nuova Giunta

Firenze: Nardella presenta la nuova Giunta

Sei conferme con cambiamento di deleghe. Quattro volti nuovi: Guccione, Del Panta, Sacchi e Martini

“La Giunta ha usato 5 criteri, che si contano sulle dita di una mano. Il primo: squadra che vince non si cambia; secondo criterio: novità, poche ma buone; terzo: competenza ed esperienza; quarto: rotazione delle deleghe; quinto criterio: organizzazione delle deleghe e accorpamento sulla base della coerenza e della omogeneità.” questo ha dichiarato il sindaco.

Ecco la composizione dell Giunta con relative deleghe:

Dario Nardella con le seguenti deleghe: attuazione del programma, pianificazione strategica, statistica, smart city.

Vicesindaco Cristina Giachi con deleghe: protezione cibvile, anagrafe, avvocatura, toponomastica.

Cecilia del Re: urbanistica, ambiente, agricoltura urbana, tutela del territorio, turismo, fiere e congressi, innovazione tecnologica, servizi informativi.

Stefano Giorgetti: lavori pubblici, infrastrutture, mobilità e trasporto pubblico locale (tpl), polizia municipale.

Cosimo Guccione: sport, politiche giovanili, città dell’arte.
Federico Gianassi: bilancio, partecipate, commercio, attività produttive, rapporti con il Consiglio comunale.

Andrea Vannucci: welfare e sanità, accoglienza e integrazione, associazionismo, volontariato, casa, lavoro, sicurezza, lotta alla solitudine.

Tommaso Sacchi: cultura, bellezza della citttà.
Sara Funaro: educazione, università e ricerca, formazione professionale, diritti, pari opportunità.

Alessandro Martini: organizzazione e personale, patrimonio non abitativo, effficienza amministrativa, quartieri, rapporti con la città metropolitana, partecpazione, cittadinanza attiva, beni comuni, rapporti con le confessioni religiose, cultura della memoria e della legalità.

Marco Del Panta Ridolfi con le deleghe: alle relazioni internazionali, politiche europee, cooperazione allo sviluppo, attrazione degli investimenti.

L'articolo Firenze: Nardella presenta la nuova Giunta proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi