Firenze: striscione per chiedere giustizia per Nicco Ciatti su facciata p.zzo Medici Riccardi

Firenze: striscione per chiedere giustizia per Nicco Ciatti su facciata p.zzo Medici Riccardi

 La Città Metropolitana di Firenze, e con lei il Comune di Scandicci, se la legge spagnola lo consente si costituirà parte civile al processo contro gli assassini di Niccolò, che si aprirà probabilmente a Girona nei primi mesi del 2019.

Alle 11 di oggi è stato esposto sulla facciata di Palazzo Medici Riccardi, a Firenze, alla presenza del sindaco Dario Nardella, del sindaco di Scandicci Sandro Fallani, del
padre Luigi, della mamma Cinzia e della sorella Sara, uno striscione che chiede ”Giustizia per Niccolò Ciatti” nel primo anniversario dell”uccisione del giovane di Scandicci in una discoteca di Lloret de Mar in Catalogna. Un momento toccante, con l”abbraccio del sindaco ai familiari di Niccolò nel giorno in cui più vivo è il ricordo della
tragedia di Lloret.

“Nei giorni scorsi – ha detto Nardella – ho incontrato il ministro della giustizia Alfonso Bonafede, al quale ho chiesto un intervento del Governo verso le autorità spagnole. Il Ministro darà il suo impegno. Convinto dell”importanza di una pressione sull”opinione
pubblica spagnola, ho anche contatatto l”ambasciatore italiano a Madrid e quello di Spagna a Roma”.

La Città Metropolitana di Firenze, e con lei il Comune di Scandicci, se la legge spagnola lo consente si costituirà parte civile al processo contro gli assassini di Niccolò, che si aprirà
probabilmente a Girona nei primi mesi del 2019. “Saremo in ogni caso presenti e vicini alla famiglia”, ha assicurato il primo cittadino di Firenze. Questa sera alle 21 una fiaccolata in ricordo di Niccolò partirà da Casellina. “Ringrazio tutti i cittadini, le associazioni,
la parrocchia – ha detto il sindaco Fallani – che sono al fianco della famiglia Ciatti e lo saranno fino a che non avremo giustizia”.

L'articolo Firenze: striscione per chiedere giustizia per Nicco Ciatti su facciata p.zzo Medici Riccardi proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi