Follonica la fabbrica racconta storie

Follonica la fabbrica racconta storie

🔈Una fabbrica può diventare uno scrigno di storie e una casa della memoria.

È quello che accadrà il 20 e 21 ottobre a Follonica, dove nello spazio della ex fabbrica della Ilva, recuperato a giardini, sale polivalenti e Museo Magma si svolgerà “Fabbricastorie”, una due giorni di incontri organizzati da Magma Follonica in collaborazione con Irta Leonardo nell’ambito del progetto di censimento e valorizzazione degli archivi del mondo dell’impresa e del lavoro in Toscana, finanziato dalla Regione.

Assieme ai documenti e le tante fonti orali – importantissime, storie di carbonai e di migranti – sono state raccolte anche fotografie. Il museo Magma già ne possedeva 250 e al momento ne sono state acquisite e organizzate altre mille provenienti da archivi privati e familiari. Parallelamente sono stati organizzate proiezioni, mostre e incontri per approfondire la conoscenza e valorizzare la “rete del ferro” italiana e europea. E’ stata avviata anche un’attività di riordino dell’archivio della Guardia forestale.

Il perché di Follonica è presto spiegato. Nella città grossetana la lavorazione del ferro è di casa fin dal Cinquecento, quando gli Appiani, signori di Piombino, fecero costruire una ferriera. Il culmine fu raggiunto nel diciannovesimo secolo, epoca in cui Leopoldo II di Lorena ampliò e ristrutturò gli impianti che già esistevano; e fu allora che nacque una nuova fonderia, progettata e realizzata assieme a nuove strade e abitazioni: un piccola Ilva, abbandonata negli anni Sessanta ma risorta dalle ceneri negli ultimi anni, con il contributo anche della Regione e reinventatasi come un museo futuribile e uno spazio ricreativo, culturale ma anche dedito alla ricerca. Uno spazio che recupera la capacità di ricordare, che è poi il tema anche della due giorni del 20 e 21 ottobre. “Un unico filo narrativo – sintetizza Barbara Catalani, assessore alla cultura di Follonica – che viaggia per tempi e spazi diversi, dal golfo di Baratti, la Val di Cornia e la siderurgia etrusca fino all’Austria, passando la Val di Trompia a Brescia e la montagna pistoiese, da dove arrivarono a metà dell’Ottocento molti operai”. Tutti uniti dalla lavorarazione della ghisa.

Un tema caro anche alla Soprintendenza archivistica e bibliografica toscana, che sull’archeologia industriale e del lavoro e delle imprese più in generale, anche agricole, come ricorda per l’ente Luca Faldi, ha già effettuato alcuni interventi mirati. A partire dall’amiatino, con la raccolta di documenti e attraverso interviste video preziose memorie orali.

Claudio Gherardini ha intervistato la vice presidente della Toscana ed assessore alla cultura Monica Barni:

L'articolo Follonica la fabbrica racconta storie proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi