Francobollo per Florence Nightingale e tutti infermieri

Francobollo per Florence Nightingale e tutti infermieri

Firenze, un francobollo per celebrare gli infermieri, in un momento storico segnato dal Coronavirus, e in occasione del bicentenario della nascita di Florence Nightingale, fondatrice dell’Infermieristica moderna, e della proclamazione da parte dell’Oms del 2020 come anno internazionale dell’infermiere.

Il Ministero per lo Sviluppo economico, spiega una nota, ha emesso una carta valore appartenente alla serie tematica ‘Il Senso civico’, su bozzetto di Claudia Giusto, raffigurante in primo piano, sullo sfondo di Ponte Vecchio a Firenze, il ritratto di Nightingale. Nel francobollo è riportato anche il ‘Diagramma delle cause di mortalità nell’esercito d’Oriente” elaborato dalla stessa Nightingale durante la guerra di Crimea sulla base delle sue conoscenze sanitarie e statistiche.

In alto, a destra, è riprodotto il logo della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi), che ha promosso l’iniziativa. Oggi Fnopi e Opera di Santa Croce, che a Firenze custodisce il monumento a Florence Nightingale, celebra l’emissione del francobollo.

Questa mattina alcuni studenti, infermieri e cittadini britannici (tra cui il direttore del British Institute, Simon Gammel), hanno portato fiori davanti al monumento dedicato a Nightingale- Per l’occasione è stata riunita, per la prima volta, l’intera collezione di tutti i francobolli dedicati a Florence Nightingale emessi nel corso degli anni dai servizi postali di ogni parte del mondo.

La collezione è visibile da oggi fino all’8 dicembre presso lo storico Spazio Filatelia di Firenze (via Pellicceria, 3), per poi diventare una mostra itinerante. “La professione infermieristica è centrale nella nostra società – dichiara il viceministro dello Sviluppo economico, Stefano Buffagni -. Grazie per quanto state facendo e per la sicurezza che ci trasmettete con il vostro lavoro”.

L'articolo Francobollo per Florence Nightingale e tutti infermieri proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi