Geotermia, Rossi sostiene la protesta dei sindaci contro i tagli agli incentivi

FIRENZE - "Le proteste dei sindaci dei Comuni dell'area geotermica della Toscana sono sacrosante. Il governo e la maggioranza che lo sostiene non possono lasciare inascoltate le richieste che arrivano dai rappresentanti istituzionali di quel territorio. Gli incentivi per la geotermia devono essere ripristinati. Sono in gioco lo sviluppo e l'occupazione di un pezzo importante della nostra Regione".
Si apre così una dichiarazione del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi a sostegno della azione di protesta del sindaco di Montieri che ha annunciato di voler iniziare uno sciopero della fame contro il blocco degli incentivi.  

"Oggi - prosegue Rossi - ho telefonato al sindaco di Montieri Nicola Verruzzi per esprimergli la mia solidarietà e la mia vicinanza. Apprezzo la sua determinazione a condurre questa battaglia fino in fondo.
La Regione in queste settimane non è stata ferma. Abbiamo avuto contatti con la Direzione Generale Energia e Ambiente della Commissione europea. Nei giorni scorsi, inoltre, ho scritto una lettera al sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa che ha già determinato un primo risultato. Il prossimo 21 marzo ci sarà infatti un incontro al Mise.
Nel frattempo resto fermamente convinto che sia opportuno dare vita a iniziative di lotta affinchè gli incentivi siano ripristinati. E confermo la mia disponibilità a parteciparvi. Non ci arrenderemo ad un decreto che distrugge l'economia di un intero territorio".

I commenti sono chiusi