Giovani e agricoltura: “Perchè ho scelto di lavorare la terra con i bandi della Regione”

FIRENZE - Realizzare un sogno: fare l'agricoltore. Saranno i giovani che hanno partecipato ai bandi della Regione Toscana per insediare nuove aziende agricole a raccontare con la loro viva voce i perchè delle loro scelte.

Perchè, ad esempio, una giovane avvocatessa esperta di diritto fallimentare, lascia la capitale e le aule di tribunale per coltivare erbe officinali a Castiglion Fiorentino (Ar) e mettere su un'azienda che dia lavoro a ragazzi con disabilità.

 

Perchè un giovane di Magliano (Gr) ha deciso di scommettere proprio sul podere nel quale il nonno lavorava come mezzadro e metterci su un'azienda multifunzionale.

 

Perchè un giovane di Pescia (Pt) forma una cooperativa con 4 coetanei, rileva un'azienda abbandonata e punta sul biologico e sull'allevamento di pecore e suini.

 

E ancora: perchè un giovane agronomo con tanto di master in marketing di Murlo (Si) fonda un'azienda biologica e sogna di coinvolgere portatori di handicap nell'attività sui campi, o un altro giovane, anche lui laureato in Scienze agrarie, di Roselle (Gr) si dedica all'allevamento di bovini di razza chianina e di pecore di razza appenninica.

 

Infine la storia di un altro giovane, di Torrita di Siena (Si), che ha scelto, fra l'altro di produrre birra artigianale, oltre ad altri prodotti come olio, legumi e cereali nella sua azienda biodinamica.

 

Saranno loro e i loro racconti i protagonisti del pomeriggio di domani con l'iniziativa della Regione Toscana "Sogno un futuro al centro della terra" che si terrà nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati a partire dalle 15.

 

Ci saranno il presidente della Regione, Enrico Rossi, l'assessore all'agricoltura, Marco Remaschi, i ricercatori dell'Irpet, l'Università di Firenze, i rappresentanti delle associazioni professionali agricole, ma sopratutto i giovani.

 

Tanti giovani, oltre i 6 che racconteranno le loro storie grazie a videointerviste o di persona, sarà presente una folta rappresentativa (circa un centinaio) di coloro i quali negli ultimi anni hanno fatto domanda per partecipare ai bandi del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Toscana e insediare una nuova azienda agricola.

 

E anche loro, i giovani che saranno in platea, potranno, se lo vorranno raccontare le loro storie, i loro sogni, i perchè che li hanno spinti verso la terra.

 

E sono stati tanti negli ultimi anni i giovani che hanno scelto la campagna. 1500 sono stati finanziati con il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013. Con il "pacchetto Giovani" del 2012 si sono insediate 360 nuove imprese agricole condotte da giovani con un investimento della Regione di 31 milioni di euro.

 

Con il bando del 2015, che è stato inserito anche nel progetto Giovanisì, si è avuto un vero e proprio boom di domande: 1761, tanto da indurre la Regione ad alzare il plafond inizialmente messo a disposizione (40 milioni di euro) e portarlo a 100 milioni. Grazie a questo saranno 793 i giovani che potranno avere le agevolazioni per mettere su un'azienda agricola in Toscana.

 

Nel corso del pomeriggio l'Irpet presenterà una sua ricerca sull'impatto delle nuove aziende agricole create grazie ai bandi del PRS sull'economia regionale e l'Università di Firenze (Communication Strategies Lab) i risultati di un focus group sulla comunicazione generativa del Programma di Sviluppo Rurale.

 

Il programma completo

 

 

I commenti sono chiusi