Giovanisì, lunedì 31 incontro con il progetto europeo Buddy2BuddyNEXT

FIRENZE – Giovanisì va in Europa. Il progetto della Regione Toscana per favorire l'occupazione e l'autonomia dei giovani è stato individuato come buona pratica di inclusione sociale e promozione dei diritti dei giovani a livello europeo. Per questo ospiterà alcuni youth workers di Spagna, Portogallo, Olanda e Italia che, nell'ambito di un progetto di mobilità degli Operatori Giovanili finanziato attraverso il programma europeo Erasmus +, parteciperanno ad un incontro di presentazione del progetto toscano. L'incontro si terrà lunedì 31 agosto a partire dalle 10, nelle sale della Presidenza della Regione Toscana a Firenze.

 

L'incontro fra operatori si svolge nell'ambito del progetto ‘Buddy2Buddy NEXT' - promosso dalle organizzazioni Bloom (PT), Arcil (PT), Asermun (ES), De Wissel (NL) e Arnera Coop.Sociale (IT) - il cui tema principale è promuovere l'integrazione sociale, attraverso scambi internazionali, di ragazzi con disabilità e di giovani con minori opportunità.

 

In particolare, fino al 4 settembre 2015, gli operatori dei quattro paesi si confronteranno su modelli e buone pratiche e lavoreranno ad un manuale delle buone prassi che sia uno strumento di lavoro per altre organizzazioni e per altri operatori sociali interessati al tema dell'inclusione.

 

L'iniziativa si colloca all'interno delle attività di Giovanisì in Europa. L'area Europa coordina le attività europee del progetto, in particolare: gestisce le relazioni con i progetti di politiche giovanili, istituzioni e reti a livello europeo; progetta e organizza seminari; partecipa a conferenze europee e internazionali.

 

Info e approfondimenti sul sito Giovanisì http://giovanisi.it/2015/08/28/giovanisi-come-buona-prassi-di-inclusione-sociale-e-promozione-dei-diritti-dei-giovani-incontro-con-gli-operatori-del-progetto-europeo-buddy2buddy-next/

I commenti sono chiusi