Gruppo Sol, Rossi: “Il Ministero dia una risposta, il tempo sta per scadere”

FIRENZE – "Il Ministero deve rispondere sulla concessione della Cigs ai lavoratori della Sol. E' stato preso un impegno e deve essere mantenuto. Il 30 giugno incombe, con il rischio di licenziamento dei lavoratori".
 
Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, interviene sulla crisi dell'azienda di Piombino, anche alla luce della notizia dello sciopero della fame ad oltranza avviato da due sindacalisti, Stefano Santini e Fabrizio Musto della Cgil chimici, per sollecitare l'attivazione delle procedure per accedere al secondo anno di cassa integrazione.E ricorda che la Regione è intervenuta sia ieri che oggi stesso con la segreteria del ministro per sollecitare una risposta urgente.
 
"Non è possibile che per una questione sostanzialmente procedurale si rischi di rovinare la vita dei lavoratori e delle loro famiglie – sottolinea il presidente Rossi – Credo che si debba fare di tutto per scongiurare questo epilogo e per restituire la serenità a questi lavoratori facendoli accedere ad ammortizzatori già previsti dagli accordi".
 
 

I commenti sono chiusi