Il presidente Rossi incontra amministratore GE Oll&Gas: “Avanti con gli investimenti in Toscana”

FIRENZE - General Electric ha ribadito la volontà di andare avanti con il progetto Galileo e con gli investimenti che faranno della Toscana il più grande centro mondiale per la produzione di turbine di nuova generazione per l'estrazione di gas e petrolio.

Lo ha detto ieri al presidente della Regione Enrico Rossi il Ceo di GE Oil&Gas Jeffrey Immelt, nel corso di un colloquio alla vigilia del meeting annuale dell'azienda che si è aperto ieri a Firenze.

"L'amministratore della multinazionale - ha riferito Rossi - ha confermato l'interesse per la Toscana e l'apprezzamento per il ruolo delle istituzioni, anche per i nuovi obiettivi come il cantiere che Ge Oil and gas intende allestire nel porto di Piombino (Livorno) e per la fornitura di tecnologia per la geotermia.
Il progetto Galileo prevede un investimento di circa 600 milioni. Le istituzioni italiane intervengono con 64 milioni di cui 24 finanziate dalla Regione Toscana con fondi europei".

"E' anche grazie all'impegno della Regione - ha detto Rossi - se General Electric, la più grande multinazionale che opera nel settore oil&gas, ha mantenuto l'insediamento in Toscana (con le tre sedi di Massa, Firenze cui si aggiungerà presto Piombino, nonchè con il coinvolgimento nel laboratorio Sesta, a radicondoli sulla geotermia), con oltre 4000 addetti diretti e indiretti e un volume di affari che rappresenta già circa il 3% del PIL regionale".

Il protocollo e' stato firmato nel gennaio 2016 e l'accordo di programma nel novembre dello stesso anno. Rossi ha ricordato il ruolo della Regione Toscana nel racconrdo con il ministero, come testimonia la presenza a Firenze, mercoledì 1 febbraio, del ministro Carlo Calenda all'evento organizzato presso la Nuovo Pignone a Firenze su Industria 4.0.

L'amministratore di GE, su domanda del presidente Rossi, ha rassicurato sul fatto che le politiche di Trump non cambieranno le prospettive di GE per l'Italia.

 

I commenti sono chiusi