In 6 Comuni della provincia di Pisa uno sportello antiviolenza itinerante

In 6 Comuni della provincia di Pisa uno sportello antiviolenza itinerante

In 6 Comuni della provincia di Pisa uno sportello antiviolenza itinerante: il servizio, unico in Italia, sarà attivo dal 18 giugno.

Dal 18 giugno sarà attivo lo sportello antiviolenza itinerante nei comuni di Vecchiano, S. Giuliano T., Calci, Vicopisano, Fauglia, Crespina-Lorenzana. Lo sportello, il primo del genere in Italia, è promosso dalla Società della Salute della Zona Pisana in collaborazione con il centro antiviolenza della Casa della donna all’interno del progetto “Pane e Tulipani”.

L’idea nasce dalla necessità di sostenere più da vicino le donne vittime di violenza residenti nella zona pisana. Dall’ultimo rapporto sulla violenza di genere in Toscana risulta, infatti, che su 101 femminicidi registrati in tutta la regione dal 2006 al 2016, la provincia di Pisa è la seconda (15) dopo Firenze (27) per numero di uccisioni. Anche rispetto al numero di donne che si rivolgono ai centri antiviolenza, quello di Pisa è il secondo in Toscana con 2.242 donne che hanno chiesto aiuto nell’arco di tempo 2009-2017. Solo nel 2017 sono ben 100 le donne provenienti dai comuni della zona pisana che si sono rivolte al centro antiviolenza della Casa della donna. In particolare, il numero più alto (21) risiedevano nel comune di Cascina, a seguire San Giuliano e Vecchiano.

“Con questo sportello itinerante – dichiara Carla Pochini, presidente della Casa della donna – potremmo offrire un servizio antiviolenza più capillare sul territorio, in particolare in quei comuni dove registriamo il maggior numero di richieste. Tra questi il primo è Cascina che però al momento non ha aderito al progetto. Ciò ci rammarica molto ma ci auguriamo che l’amministrazione comunale torni sui suoi passi e si attivi per offrire anche alle cittadine di Cascina questo importante supporto”.

Grazie al progetto, che durerà fino a dicembre 2018, le donne residenti nei paesi della zona pisana che si rivolgeranno al Telefono Donna (la linea di ascolto del centro antiviolenza, tel. 050 561628) potranno effettuare, su appuntamento, i colloqui con una operatrice di accoglienza del centro antiviolenza presso una delle sedi messe a disposizione dai Comuni.

“È importante sottolineare – precisa Giovanna Zitiello, coordinatrice del centro antiviolenza della Casa della donna – che i colloqui avverranno in spazi idonei e capaci di garantire riservatezza e anonimato. Il servizio è completamente gratuito e aperto a tutte le donne che abbiano bisogno di aiuto per affrontare una situazione di abusi, anche psicologici, maltrattamenti, stalking e violenza”.

Oltre allo sportello itinerante, il progetto prevede anche un percorso di ascolto e sensibilizzazione delle donne e delle comunità coinvolte che si sta svolgendo proprio in queste settimane con lo scopo di promuovere la conoscenza del servizio e rilevare i bisogni del territorio. Inoltre dal prossimo settembre si terranno una serie di incontri di gruppo su tematiche specifiche (diritti, separazione, autostima, ecc.), aperti alle donne che abitano nei paesi interessati dal progetto.

Il servizio si avvarrà di un’operatrice, che svolgerà le attività di accoglienza e ascolto, di una psicologa-psicoterapeuta e di un’avvocata del centro antiviolenza della Casa della donna.

L'articolo In 6 Comuni della provincia di Pisa uno sportello antiviolenza itinerante proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi