In Toscana aiuti Ue a chi alleva razze locali

In Toscana aiuti Ue a chi alleva razze locali

Dalla pecora bianca garfagnina all’asino amiatino, dal cavallo maremmano ai bovini della Calvana: sono alcune delle razze autoctone della Toscana a rischio estinzione e per le quali la Regione ha ora emanato un bando – ”Conservazione di risorse genetiche animali per la
salvaguardia della biodiversità”, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale Feasr 2014-2020 – per concedere incentivi agli allevatori.

I premi, a seconda della razza, variano da 200 e 500 euro a Uba-unità di bestiame adulto, per 5 anni. Le domande per ottenere gli aiuti dovranno essere presentate online sul sito di Artea entro il 15 maggio.
Scopo del bando, che per il 2018 ha un budget finanziario di quasi 340.000 euro, è conservare la biodiversità rurale, con incentivi a mantenere i riproduttori di razze autoctone
minacciate da estinzione.
In Toscana, si spiega, la grande biodiversità di razze animali rappresenta un patrimonio ambientale e storico-culturale di singolare ricchezza che richiede specifiche azioni di tutela. Le razze animali che hanno attualmente bassa consistenza numerica sono state nel tempo progressivamente abbandonate proprio a causa della loro bassa produttività che determinava, e tuttora determina, un minor reddito per l’allevatore. La Regione, col
bando, intende contribuire a colmare, almeno parzialmente, questo differenziale di reddito, erogando premi per Uba. In questo modo si incentiva, per almeno 5 anni, il mantenimento di riproduttori appartenenti a razze autoctone minacciate dal rischio di abbandono.(ANSA).

L'articolo In Toscana aiuti Ue a chi alleva razze locali proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi