In Toscana crescono i turisti, in Italia calano. Il 2014 e il 2015 col segno più

FIRENZE - Il turismo nel mondo continua a crescere e a pesare sempre di più. E crescono i turisti anche in Toscana, a differenza da quelli in Italia. E' la sintesi del rapporto presentato stamani a Firenze dall'Irpet, l'istituto di programmazione economica della Regione.

 

Il 2014 si è chiuso per la Toscana del turismo – che pesa il 6% del Pil e il 10% del lavoro attivato - con un con un bilancio positivo, in controtendenza rispetto a quello italiano che ha visto invece contrarsi le presenze, con meno turisti che scelgono il Belpaese e vacanze più brevi.

 

Bastano due numeri per capire la dinamica. In Italia i pernottamenti calano dell'1,5%, riflesso per lo più della contrazione del turismo interno. In Toscana le presenze aumentano invece, sempre nel 2014, dell'1,2% e gli arrivi del 2,9: vacanze più brevi, ma più turisti. Aumentano dopo un 2012 pessimo, in cui la Toscana aveva perso un milione di presenze, e dopo un 2013 stazionario: con il rialzo a lungo atteso degli italiani (+2,5%) ma una frenata tra gli stranieri che in questi anni avevano fornito una grande spinta al turismo toscano (+16,3% dal 2007, +33% dal 2000) e nel 2014 alle spalle si fermano, con le presenze ovvero i pernottamenti, ad un +0,1%. Uniche due province in controtendenza: Firenze e Prato. Sul piatto ha pesato l'assottigliarsi dei turisti dei cosiddetti Brics, i Paesi emergenti, ovvero Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, che dal 2000 hanno trainato il turismo straniero in Toscana. L'unica eccezione è la Cina (+17,9%). Ma nel calo degli stranieri il suo peso lo ha avuto anche la contrazione dei turisti dalla più ricca Mitteleuropa.

 

Ma nonostante tutto il turismo in Toscana cresce e crea anche posti di lavoro, con un saldo positivo di oltre seimilacinquecento posizioni dal 2009 al 2014. Cresce di più il turismo extralberghiero (+1,5%), ovvero agriturismi, appartamenti ed affittacamere, rispetto a quello alberghiero (+0,8%). Crescono le presenze anche fuori stagione.

 

Ulteriorie crescita nel 2015

Le previsioni per il 2015, con i dati dei primi mesi, lasciano ulteriormente ben sperare. La stagione estiva porterà , secondo le stime di Toscana Promozione e il Centro studi turistici di Firenze, un +1,8% nelle presenze: +2,1% tra gli stranieri e +1,5% tra gli italiani. Nei primi cinque mesi, rispetto allo stesso periodo del 2014, la crescita è stata del 3,2%. Solo il settore termale risulta in calo.

 

La sfida per il turismo toscano che si prospetta davanti è quella di elevare ulteriormente la qualità dei servizi e l'offerta per incoraggiare i nuovi visitatori a "tornare". Essenziali diventano anche analisi approfondite e costanti.

 

Secondo lo studio realizzato da Cst per Toscana Promozione, gli arrivi internazionali attesi nel 2015 aumenteranno in particolare da Stati Uniti, Canada, Cina, Corea, Emirati arabi, Australia e Argentina. I mercati europei dai quali ci si attende una risposta positiva sono quello inglese, francese, spagnolo, polacco, ungherese e dei paesi nordici. Stabili o in leggera crescita dovrebbero confermarsi Germania, Austria, Svizzera e Belgio. In flessione il mercato russo.

 

Per saperne di più:

Il rapporto sui flussi turistici

La sintesi del rapporto

Le slides

I commenti sono chiusi