Inaugurata Casa della Salute di Capraia e Limite, Saccardi: “Più forte il territorio”

LIMITE SULL'ARNO (Fi) - "Tagliare un nastro è sempre motivo di grande soddisfazione. Un grazie a tutti voi che avete contribuito alla realizzazione di questa Casa della Salute. Responsabilità e obiettivi li condividiamo tutti. È, questo, un percorso importante che riguarda l'attuazione della riforma sanitaria. Questo è il modello che abbiamo voluto, un rafforzamento del territorio che possa fare da filtro rispetto all'ospedale. Sappiamo che la fase dell'ospedale è minima, il resto avviene sul territorio. Medici, infermieri, volontariato, servizi sociali, che devono realizzare un'integrazione forte". E' quanto ha detto l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, che oggi ha partecipato all'inaugurazione della nuova Casa della Salute di Capraia e Limite. Al taglio del nastro, con l'assessore erano presenti il sindaco Alessandro Giunti, il presidente della Pubblica Assistenza Croce d'oro di Limite Stefano Giuntini, il direttore generale dell'Asl Toscana Centro Paolo Morello Marchese, il consigliere regionale membro della commissione sanità Enrico Sostegni e numerose autorità istituzionali del territorio.

 

"Con risorse contenute – ha detto ancora - abbiamo migliorato quello che c'era, lo abbiamo reso più funzionale per dare una risposta ai bisogni di salute delle persone. I cittadini devono imparare a riconoscere questo luogo, che è l'ossatura della riorganizzazione del servizio sanitario regionale. A Empoli l'ospedale funziona molto bene, ma non può e non deve rispondere a tutti i bisogni di salute che le persone esprimono. L'obiettivo è quello di garantire a tutti le migliori opportunità di salute. Da qui a fine anno abbiamo molti obiettivi, tra cui il taglio delle liste di attesa e le risposte domiciliari. Un programma intenso che affronteremo nonostante le difficoltà economiche e le emergenze come quella della meningite. A questo proposito, qui nell'empolese questa emergenza è stata affrontata con grande efficienza, e per questo colgo l'occasione per ringraziare tutti.

Questo tipo di struttura e di organizzazione – ha concluso Saccardi - sarà in grado di dare ai nostri cittadini la migliore risposta di salute".
 

Era il 21 marzo 2014 quando fu firmato un protocollo d'intesa tra l'allora direttore generale dell'Asl 11 (confluita nell'Ausl Toscana Centro) Monica Piovi, l'allora sindaco di Capraia e Limite Enrico Sostegni e il presidente della Pubblica Assistenza Croce d'oro di Limite sull'Arno Stefano Giuntini, alla presenza di Nedo Mennuti, direttore della rete territoriale della ex Asl 11. Due anni dopo, con una spesa di circa 155mila euro, sono terminate le opere di adeguamento degli immobili che già ospitano gli ambulatori dei medici di famiglia e gli infermieri, il servizio prelievi, l'ostetrica e le attività amministrative dell'Asl.

La nuova Casa della Salute presenta una struttura diversa rispetto al passato. E' stato, infatti, realizzato un camminamento interno di collegamento tra i due stabili originari, situazione che permette agli utenti di accedere all'edificio da entrambi i lati della strada senza dover uscire all'esterno. Maggiore comodità nell'accesso ai servizi, secondo quelle che sono le intenzioni dei soggetti proponenti, si coniugherà con l'attuazione di un presidio medico più completo, con potenziamento della medicina di gruppo che consentirà di rivolgersi ad altro medico in assenza del proprio, e presenza del servizio amministrativo dell'azienda sanitaria. Sono state sistemate anche due nuove sale di attesa, differenziando tra gli adulti ed i bambini, e sono previsti percorsi ad hoc per i pazienti affetti da patologie croniche e/o invalidanti quali diabete, ipertensione, segni postumi di infarti ed ictus cerebrali.

La realizzazione della Casa della Salute si inserisce in un contesto di rimodulazione dei servizi territoriali finalizzata a mantenere inalterata l'offerta complessiva, consentendo, con riduzione dei costi, nuove forme di erogazione dei servizi stessi.

(ha collaborato Maria Antonietta Cruciata, ufficio stampa Asl Toscana Centro-Empoli)

 

I commenti sono chiusi