Incendi Vicopisano: sindaco, “saremo parte civile”

Incendi Vicopisano: sindaco, “saremo parte civile”

“Ci aveva inviato la comunicazione per procedere all’abbruciamento dei rovi, tuttavia per fare queste operazioni occorre rispettare alcune precise prescrizioni e non so se questo è stato fatto. Il comune comunque è pronto a costituirsi parte civile nell’eventuale processo”. Lo ha detto il sindaco di Vicopisano, Juri Taglioli, commentando l’incendio che da ieri ha mandato in fumo 230 ettari di bosco sul monte Serra.

“Ieri – ha aggiunto Taglioli – c’è sempre stato vento fin dalla mattina e credo che questa persona non abbia preso tutte le precauzioni necessarie previste dalle prescrizioni per queste operazioni: ovvero appiccare le fiamme in completa assenza di vento, non farlo da soli e tenendo vicino all’area secchi d’acqua o pompe per procedere allo spegnimento immediato se la situazione dovesse sfuggire di mano”.
Infine, il sindaco promette che nell’eventuale processo a carico del pensionato che ha innescato il rogo per errore “il Comune si costituirà parte civile e lo farà per dare un segnale a lui e a tutti coloro che non rispettano quelle norme di sicurezza che chi vive il monte dovrebbe conoscere a memoria: ora comunque siamo ancora nella fase dell’emergenza e dobbiamo concentrarci sulle operazioni di spegnimento che auspico si concludano entro la serata poi accerteremo le responsabilità di questo nuovo disastro”.
“Sul territorio stanno operando da ieri un centinaio di volontari oltre alle squadre dei vigili del fuoco”. Ha detto Juri Taglioli, facendo il punto della situazione sull’incendio in corso sul monte Serra.
“Rispetto a ieri – ha proseguito – le condizioni meteo sono nettamente migliorate perché è cessato il vento e questo consente di contrastare più efficacemente l’avanzamento del fuoco. I mezzi aerei contribuiscono allo spegnimento e ciò ci lascia ben sperare che l’emergenza possa concludersi entro la giornata di oggi”.

L'articolo Incendi Vicopisano: sindaco, “saremo parte civile” proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi