Incidente ferroviario Firenze, Grassi e Verdi: “Si faccia chiarezza sulla dinamica. Gravissimo quanto accaduto. Ennesimo caso di appalti al massimo ribasso in cui si mettono a rischio coloro che lavorano?”

Incidente ferroviario Firenze, Grassi e Verdi: "Si faccia chiarezza sulla dinamica. Gravissimo quanto accaduto. Ennesimo caso di appalti al massimo ribasso in cui si mettono a rischio coloro che lavorano?"

d58265 07 Dicembre 2018

"Vicinanza agli operai e ai macchinisti rimasti feriti e alle loro famiglie"

Queste le dichiarazioni del capogruppo di Firenze riparte a sinistra Tommaso Grassi insieme alla consigliera Donella Verdi

"In galleria, un treno urta una piattaforma aerea su cui stavano lavorando degli operai: non può accadere, non si può accettare che il costo degli appalti venga abbattuto mettendo a rischio l'incolumità di coloro che lavorano sulla rete e nei convogli. Esprimiamo vicinanza agli operai e ai macchinisti rimasti feriti e alle loro famiglie, e auguriamo a loro una pronta guarigione e che tutti possano uscire presto dall'ospedale. Si faccia chiarezza sulla dinamica. Riteniamo gravissimo quanto accaduto: sono state rispettate tutte le norme? Piuttosto che pensare a spendere soldi per opere inutili, come il tunnel e la stazione Foster, si inizi piuttosto ad operare garantendo sicurezza e incolumità sulla propria rete ferroviaria."

"E' l'ennesimo caso di appalti al massimo ribasso in cui si mettono a rischio coloro che lavorano? E' accaduto sul nostro territorio comunale, la cittadinanza e le istituzioni hanno il dovere di chiedere che sia fatta chiarezza. Massima fiducia nella Magistratura affinché chiarisca, al più presto, come mai parrebbe non esser stata rispettata la direttiva dell'Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria che prevede, in caso di lavori ai binari, sia interdetta la circolazione sulla rotaia coinvolta, potendo utilizzare per il transito l'altro binario. In giorni come oggi è bene ribadire quanto è importante garantire la sicurezza per passeggeri e personale ferroviario sulla rete e non possiamo che ricordare come solo pochi giorni fa sia stato sottoscritto un protocollo per promuovere la ‘safety culture’ nel settore ferroviario, in cui le organizzazioni, RFI inclusa, si sono impegnate a promuovere la sicurezza, intesa come principio da anteporre a qualsiasi altro interesse". (fdr)

I commenti sono chiusi