Incontro Regione-Anas: buone notizie per le infrastrutture toscane

FIRENZE – Buone notizie per le strade toscane dall'incontro Regione-Anas di stamani. Il punto è stato fatto dall'assessore a trasporti e infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, e dal capo compartimento, Antonio Mazzeo, e ha avuto al centro le infrastrutture strategiche per il territorio di competenza Anas.

Per la Due Mari si conferma l'inserimento nel contratto di programma 2015 di 237 milioni di euro necessari alla realizzazione dei lotti 4 e 9, quelli che consentiranno di completare il tratto Siena-Grosseto. Venti milioni sono disponibili per proseguire gli interventi di manutenzione straordinaria sulla Firenze-Siena, con 13 milioni di lavori già appaltati e 7 milioni in appalto.

Nel corso dell'incontro si sono poste le basi anche per l'avvio della progettazione della variante di Rufina sulla SS 67, a seguito del perfezionamento della convenzione che trasferirà definitivamente all'Anas le competenze progettuali.

Per quanto concerne gli assi viari di Lucca, il progetto preliminare è stato inviato al Ministero delle Infrastrutture per il successivo inoltro al CIPE per l'approvazione

L'ingegner Mazzeo ha inoltre informato la Regione di aver appaltato l'intervento per lo svincolo di Pian delle Cortine sulla Siena-Bettolle e l'intervento di manutenzione straordinaria dellla SS67 nel territorio di Fiesole e Pontassieve  e di aver consegnato i lavori per la rotatoria di Migliarino, necessaria al collegamento della SS1 Aurelia con l'autostrada A11. Sempre nel 2015 saranno anche appaltati i lavori per la piazzola di sosta per i mezzi pesanti, presso il casello di Arezzo.

Nel piano di investimenti per il 2015 sono previsti anche 10 milioni per la realizzazione del nuovo ponte sull'Aurelia all'altezza di Albinia, opera indispensabile per la messa in sicurezza idraulica della zona e della linea ferroviaria affianca alla strada.

"L'incontro è stato positivo – commenta l'assessore Ceccarelli – e ha consentito di mettere a fuoco interventi importanti per il sistema infrastrutturale della Toscana, previsti nel Piano regionale delle infrastrutture e della mobilità. Con l'Anas stiamo lavorando per sciogliere alcuni nodi per noi strategici e oggi abbiamo avuto risposte che ci incoraggiano ad andare avanti nel rispetto dei programmi condivisi".

I commenti sono chiusi