Instabile Chapiteau presenta lo spettacolo “Boa”

Instabile Chapiteau presenta lo spettacolo “Boa”

Ad Instabile Chapiteau –  luogo poliedrico dedicato alla fantasia, alla scoperta e alla libertà di espressione,  per la prima volta in Toscana lo spettacolo Boa: in equilibrio tra biciclette, motoseghe e porté acrobatico. Sabato 12 e domenica 13 febbraio

Secondo appuntamento con “La forza di attrazione”, la nuova rassegna di circo contemporaneo curata da Cirk Fantastik! e Instabile Chapiteau che ospita compagnie che hanno portato i loro spettacoli in giro per tutto il mondo. Sabato 12 (ore 21) e domenica 13 febbraio (ore 16.30) arriva – per la prima volta in Toscana – Boa:  uno spettacolo di circo acrobatico per tutta la famiglia in equilibrio tra biciclette, motoseghe e porté acrobatico.

Nella difficoltà si è alla ricerca di salvagenti Boa è un’opportunità per galleggiare. Accorgersi che si può agire per sfiorare la felicità, lasciarla arrivare, crescere e coglierla al volo. È un tentativo di far sentire felicità, sorprendersi nella felicità. Una pièce delirante, energia allo stato puro, un duello tra un giocoliere ed un batterista, una forsennata ricerca ritmica e musicale da una parte, una bizzarra, corporea ed estroversa giocoleria.

La ricerca artistica di RasOTerrA –  compagnia che propone questo spettacolo –  si presenta come un salto, un tentativo di decollo, una sfida ai nostri piedi incollati al suolo.

Instabile Chapiteau è uno spazio culturale dedicato alla fantasia, alla scoperta, alla libertà di espressione e di condivisione. Ubicato in riva all’Arno nella zona di Varlungo, alla periferia sud della città InStabile Chapiteau reinterpreta e rinnova l’identità culturale della gestione dei soci del Circolo ARCI La Loggetta nella loro ventennale attività. Maggiori informazioni e programma completo QUI

Biglietti per gli spettacoli e i concerti ridotti per under 12, over 65, studenti, soci Arci – email: instabileteatrocirco@gmail.com

L'articolo Instabile Chapiteau presenta lo spettacolo “Boa” da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi