Internet festival, l’evento ottobrino di Pisa sarà presentato il 19 settembre a Milano

FIRENZE – L'internet festival di Pisa, giunto alla quinta edizione, si presenta ancora una volta a Milano.  Accadrà lunedì 19 settembre alle ore 12: la conferenza stampa si svolgerà presso il Talent Garden in via Calabiana n. 6.

Il festival invece, oramai tra gli eventi europei più importanti sull'innovazione e la Rete, animerà Pisa dal 6 al 9 ottobre, quattro giorni di convegni, dibattiti, mostre, workshop, presentazioni e laboratori didattici, alla scoperta delle tecnologie più innovative e delle nuove forme di comunicazione digitale e di futuro, dai big data alla pubblica amministrazione, dallo sport al cibo, dai conflitti internazionali e i popoli in movimento al teatro. Il programma è disponibile sul sito www.internetfestival.it.

A Milano per la Regione Toscana ci sarà l'assessore ai sistemi informativi e alla partecipazione Vittorio Bugli. La Regione promuove il festival assieme al Comune di Pisa, Registro.it, istituto di informatica telematica del Cnr, Università di Pisa, Scuola superiore Sant'Anna, Scuola Normale, Camera di Commercio, Provincia e associazione Festival della Scienza.

Con l'assessore interverranno il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, il direttore di Iit-Cnr Domenico Laforenza, Gianluigi Ferrari per l'Università di Pisa e il direttore di Internet Festival 2016 Claudio Giua. Durante la conferenza stampa saranno presentate le start up finaliste dell'.itCup, competizione promossa da Registro.it del Cnr. Altri ospiti del festival presenteranno in anteprima le loro novità: in particolare Smartex con la sua t-shirt hitech, Moxoof che ha creato un'app per migliorare le performance dei giocatori di pallavolo, Emergenza Sorrisi Ong con il suo progetto di Emergenza medica on line per il primo consulto quando raggiungere un ospedale o un ambulatorio è quasi impossibile e poi Infostranieri, che traccerà un primo bilancio dal lancio della app in undici lingue che aiuta gli immigrati a districarsi nelle tortuose vie della burocrazia italiana.

I commenti sono chiusi