Interreg Italia-Francia Marittimo, oltre 15 milioni di euro per progetti da sviluppare in Toscana

FIRENZE – Finanziati il 18 luglio scorso a Cagliari 32 progetti presentati nell'ambito del II Avviso del Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020. L'Avviso metteva a disposizione 69 milioni di euro, 61 dei quali sono stati assegnati. Quasi un quarto di questi, ovvero la porzione più consistente, verranno impiegati in Toscana. A fare il punto sui progetti che interesseranno la Toscana è stato, oggi nel corso del briefing settimanale, il presidente della Regione Enrico Rossi.

"La collaborazione fra partners italiani e francesi – ha detto Rossi - che si è venuta a creare grazie al Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020 rappresenta uno strumento importante per lo sviluppo della costa e per la qualificazione dei porti toscani. La scelta fatta dai vari partner è stata quella di valorizzare le relazioni economiche, i trasporti, l'accessibilità e la difesa del mare con un occhio di riguardo alla sua tutela e sicurezza. Grande attenzione è poi stata posta sulle isole. L'Avviso ha insistito in modo particolare sul tema della sostenibilità dei porti (per il quale erano messi a disposizione ben 27 milioni di euro, ndr) e il partenariato toscano ha ottenuto i migliori risultati in termini di partecipazione e di risorse ottenute. Anche nelle proposte progettuali dove la Toscana non ha assunto il ruolo di capofila, gli attori toscani hanno svolto comunque un ruolo importante nell'ottica dello sviluppo, dell'innovazione e del potenziamento della costa".

I 32 progetti transfrontalieri (ai quali vedono coinvolta anche Anci Toscana che era presente con la Regione a Cagliari) approvati riguardano il turismo sostenibile, la valorizzazione del patrimonio culturale, la sostenibilità dei porti, l'infomobilità e l'autoimprenditorialità. Tra i cinque territori del Programma (Toscana, Sardegna, Corsica, Liguria e i dipartimenti francesi del Var e delle Alpes Maritimes-regione Provence-Alpes-Côte d'Azur), alla Toscana è stata assegnata la fetta più consistente di risorse, oltre 15 milioni di euro pari a quasi un quarto del totale. In particolare la Toscana conta oltre un quarto delle presenze partenariali, 59 su 234, e tra i 32 progetti approvati 29 hanno almeno un partner toscano (tra questi figurano anche Anci e Upi Toscana che fanno parte del Comitato di Sorveglianza); per 8 progetti il capofila è toscano. La Regione Toscana è capofila di 2 progetti strategici sui 3 approvati: MOBIMART, che svilupperà un unico strumento di info-mobilità per i viaggiatori e SICOMAR plus, che interverrà sulla sicurezza della navigazione e sulla qualità dell'ambiente marino.

Altri progetti in cui la Regione è coinvolta: Smart Destination (capofila), progettazione e sperimentazione partecipata di un modello integrato di Smart Destination a supporto dello sviluppo e della valorizzazione dell'offerta turistica territoriale transnazionale; Med New Job (partner), piattaforma transfrontaliera per la promozione delle politiche attive del lavoro in aree/situazioni di crisi per la creazione di occupazione sostenibile e di qualità nel settore Nautica ed Economia del Mare; Terragir3 (partner), promozione del territorio per la competitività delle PMI del turismo green & blue dello spazio transfrontaliero; TRENO (partner), promozione delle linee ferroviarie turistiche e dei treni storici.

Il Programma Interreg Italia-Francia Marittimo ha concentrato grande attenzione sul tema della portualità con vari interventi per la riduzione dell'impatto ambientale. In particolare l'Autorità portuale di Livorno si è dimostrata molto attiva con la partecipazione a vari progetti per il miglioramento del trattamento dei rifiuti, per la riduzione dell'inquinamento acustico e per lo sviluppo di piattaforme logistiche collegate al porto. Riguardo alla mitigazione dell'inquinamento, sempre l'Autorità portuale di Livorno ha dimostrato grande partecipazione a vari progetti che puntano a incentivare all'utilizzo di GNL, Gas Naturale Liquido a bassissimo impatto.

Il Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020, cofinanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) nell'ambito della Cooperazione Territoriale Europea (CTE), è un Programma transfrontaliero che sostiene la cooperazione tra i territori vicini al confine tra la Francia e l'Italia nell'area del Mediterraneo centro-settentrionale. Fanno parte del Programma tutte le province della Sardegna, della Corsica e della Liguria, le province costiere della Toscana (Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, e Pisa) e i dipartimenti del Var e delle Alpes Maritimes, nella regione francese Provence-Alpes-Côte d'Azur (PACA). La dotazione finanziaria per l'intero periodo 2014-2020 è di 199.649.898 euro, di cui 169.702.411 di FESR. Nella fase precedente di programmazione (2007-2013), il Programma ha finanziato 87 progetti, allocando quasi 160 milioni di Euro (di cui 120 milioni di FESR).

I commenti sono chiusi