“Io Lavoro!”: artisti speciali e design

Al via una raccolta fondi innovativa da 20.000€ per valorizzare il lavoro dei ragazzi con disabilità intellettiva inseriti a Made in Sipario.

E’ partita per Made in Sipario, una cooperativa onlus che dà lavoro a ragazzi con disabilità intellettiva, una speciale raccolta fondi: un crowdfunding da 20.000 euro sostenuta dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze tramite il progetto Socialcrowdfunders. Si tratta di un sistema innovativo che si basa sull’attivazione di una vasta comunità di persone disposte ad aderire al “sogno” che viene proposto e a sostenerlo con piccole donazioni che ricevono, in cambio, alcune “ricompense”. I progetti di crowdfunding sono gestiti, in genere, da piattaforme online come, nel caso di Made in Sipario, Eppela (www.eppela.com).

La raccolta mira a finanziare un percorso di sperimentazione, formazione e produzione che, grazie ai consigli del designer Nilo Gioacchini (presente al MOMA di New York con l’opera “Mobile Totale”), porti ad individuare un punto d’incontro tra creatività speciale e logiche di mercato. Il percorso si esprimerà nella creazione di una linea di design che possa essere presentata con successo a fiere internazionali quali l’HOMI di Milano.

Questo percorso è voluto e seguito con interesse anche dall’associazione ADI Toscana (Associazione per il Disegno Industriale), la cui presidente Perla Gianni Falvo ha assicurato il contatto con Nilo nonché con Pierluigi Bemporad, titolare dello storico showroom di arredamento di design Selfhabitat, che ha permesso di girare il video promozionale della campagna accostando i prodotti dei ragazzi alle opere di designer affermati. Il titolo della campagna è “Io Lavoro!” e prende le mosse dall’affermazione orgogliosa dei ragazzi che percepiscono l’importanza che ha questo percorso per loro. L’Ente Cassa ha scelto Made in Sipario, insieme ad altre cinque realtà onluns del territorio, ha finanziato la formazione di sei giovani sui temi del crowdfunding, della comunicazione multimediale e del sociale e sarà mentore delle campagne.

Ciò significa veder raddoppiare le donazioni ricevute, ma solo se la comunità di sostenitori riuscirà a coprire metà dell’obiettivo prefissato entro 40 giorni, ovvero raccogliere 10.000 euro. Se la cifra non viene raggiunta tutte le donazioni tornano indietro perché il crowdfunding, su Eppela, funziona così.

I commenti sono chiusi