Ires, in Toscana 130mila posti di lavoro a rischio

Ires, in Toscana 130mila posti di lavoro a rischio

Firenze, secondo quanto emerge da uno studio di Ires Toscana sull’economia della regione nel contesto della pandemia, presentato dalla Cgil regionale, in Toscana fra i 110mila e i 130mila posti di lavoro ‘tengono’ soltanto grazie agli ammortizzatori sociali e al blocco dei licenziamenti.

Nei primi tre mesi del 2021, secondo lo studio Ires, il saldo tra le assunzioni e le cessazioni è positivo per 16mila unità, ma quasi la metà riguarda lavoro a termine: a fine 2022 si tornerà ai livelli di fine 2019, ma ci sarà una incidenza di lavoro precario superiore, che riguarderà giovani e donne.

“Siamo in grado di registrare statisticamente nei primi mesi di quest’anno un netto, previsto, rimbalzo positivo del Pil che pone la Toscana in condizione di recuperare entro il 2024 i livelli di Pil pro capite del 2008, sperando in buoni risultati su Pnrr e Next Generation Eu. Va tuttavia sottolineato che ciò non si ripercuoterà automaticamente sulla creazione di posti di lavoro. Un quadro fortemente critico in cui l’andamento dei consumi delle famiglie (-11,7%) e degli investimenti fissi (-9,1%) nel 2020 rispecchiano insieme un atteggiamento di profonda cautela sia dei cittadini che delle imprese nel considerare in via di superamento la crisi pandemica”.

L'articolo Ires, in Toscana 130mila posti di lavoro a rischio da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi