Jsw Piombino, Fim-Cisl: “C’è rischio tragedia sociale”

Jsw Piombino, Fim-Cisl: “C’è rischio tragedia sociale”

Piombino – A dirlo è Alessandro Beccastrini, presente questa mattina per l’iniziativa organizzata da Fim, Fiom, Uilm sulla situazione dell’acciaieria Jsw Steel Italy.

I lavoratori della Jsw di Piombino, questa mattina, hanno manifestato per avere maggiori certezze sul loro futuro. Attualmente la vertenza per l’acciaieria è in stallo, senza che ci sia stata la convocazione da parte del ministero dello Sviluppo economico per trovare un accordo. I sindacati sono in attesa di avere informazioni circa l’ingresso di Invitalia nella capitale della società. Per questo erano in centinaia sul cavalcaferrovia di Largo Caduti sul lavoro, dove è stato organizzato un presidio organizzato dai sindacati metalmeccanici.

“Su Piombino (Livorno) il Governo ha promesso, ma non mantiene. Il presidente Giani non è potuto venire qui stamani. E’ bene però che tutti capiscano che senza un cambio di passo qui rischiamo una tragedia sociale”. Spiega il segretario generale della Fim-Cisl Toscana, Alessandro Beccastrini.

“Oggi a Piombino ha manifestato la parte buona della nostra società – ha sottolineato Beccastrini -, quella che vuole il lavoro, che paga le tasse; quella parte di società a cui non dà pensiero uscire con le mani nere e con la schiena a pezzi da un’acciaieria. Sono anni che questi lavoratori e lavoratrici aspettano risposte. Il Governo ha promesso, ma non mantiene, quello che Fim, Fiom, Uilm chiedono per Piombino è chiarissimo”.

All’iniziativa di stamattina, spiega ancora Beccastrini, c’era il sindaco di Piombino, l’Autorità portuale, i nazionali di Fim, Fiom e Uilm, “peccato per la mancanza del presidente della Regione Giani, bloccato da un impegno imprevisto. Ma alla Regione Toscana – conclude – chiediamo un cambio di passo nelle vertenze Piombino e Fimer Arezzo: se queste realtà non trovano risposte, sarà tragedia sociale”.

I sindacati, ad inizio aprile, si erano riuniti in assemblea unitaria per chiedere un rilancio attraverso il rigassificatore che potrebbe essere installato nella zona di Piombino. Ma, al momento, resta solo un’ipotesi.

L'articolo Jsw Piombino, Fim-Cisl: “C’è rischio tragedia sociale” da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi