La sfida educativa delle nuove generazioni tema di due convegni a Firenze

FIRENZE – L'educazione delle nuove generazioni, tema caldo anche per polemiche in corso, è stato oggi al centro di due convegni svoltisi a Firenze: il primo di Legambiente dal titolo "Educare al futuro nell'era del cambiamento", l'altro dedicato a "I sistemi di educazione e cura dell'infanzia nell'Unione europea"  organizzato dall'Università degli studi di Firenze per dare conferma della rilevanza dei servizi per la prima infanzia nell'educazione e formazione dei bambini e delle famiglie che li accompagnano nel loro percorso di crescita.

A entrambi la assessore all'istruzione Cristina Grieco ha voluto portare la conferma del sostegno che la Giunta regionale da sempre garantisce alle politiche dell'infanzia ritenendole una priorità assoluta; e orientando le proprie politiche  ed investimenti per favorire la diffusione sul territorio di nuovi servizi, ma anche per potenziare quelli esistenti. "Il fiore all'occhiello della nostra progettualità, in particolare nella fascia d'età 0-6 e nei segmenti successivi - ha sottolineato - è rappresentato dai Pez, i progetti educativi zonali, cioè una forma di progettazione educativa integrata la cui progettazione e il governo sono affidati ai singoli territori locali su cui abbiamo deciso di investire solo pochi giorni fa 12 mln di euro per l'attuale anno scolastico".

"Solo grazie alla sinergia tra tutti i soggetti coinvolti, dagli enti locali alle scuole fino ai privati – ha aggiunto - possiamo riuscire a realizzare un servizio calibrato sui bisogni locali; inoltre sono in fase di sperimentazione sistemi di autovalutazione e miglioramento, non solo a livello di singolo istituto scolastico, ma anche a carattere zonale. Solo il mantenimento ed il miglioramento dei servizi offerti potrà favorire il processo educativo e formativo degli studenti, ma questo potrà avvenire solo grazie alla collaborazione tra tutte le parti coinvolte in tale processo".  

La sfida da raccogliere, in un momento in cui si riaccendono profonde disuguaglianze fra persone, territori e Paesi, è quella di offrire a tutti opportunità educative nella scuola ed in contesti esterni alla scuola.

"Per un futuro di crescita intelligente e sostenibile è fondamentale che ai nostri studenti sia garantito l'accesso a condizioni formative di successo - ha proseguito Grieco -. In Toscana il sistema educativo rappresenta un'eccellenza, e sicuramente anche il sistema di educazione ambientale, che ne è parte integrante, potrà contribuire a mantenere alto il livello, sia sotto il profilo formativo scolastico, che per far crescere le prossime generazione in modo consapevole e responsabile nei confronti dell'ambiente e del territorio, un bene prezioso che abbiamo il dovere di difendere e tutelare".

I commenti sono chiusi