La Toscana celebra il bicentenario della scomparsa di Filippo Mazzei

FIRENZE - Il toscano Filippo Mazzei, medico, commerciante, saggista, filosofo, nato a Poggio a Caiano nel 1730 e morto a Pisa nel 1816, è stato un toscano che ha vissuto in prima persona le vicende legate all'indipendenza degli Stati Uniti d'America, promotore e sostenitore in Europa ed America della cultura liberale, illuminista e repubblicana prima e delle ragioni autonomiste delle colonie statunitensi in Europa.

In occasione del bicentenario della morte di Mazzei, il Comune di Poggio a Caiano organizza una serie di manifestazioni in memoria dell'illustre concittadino, in collaborazione con Regione Toscana, Comune di Prato, Polo Museale, Università di Firenze. Il programma delle iniziative sarà presentato nel corso di una conferenza stampa domani 15 marzo, ore 12, a Palazzo Strozzi Sacrati in Piazza del Duomo 10.

Saranno presenti alla conferenza stampa con la vicepresidente e assessora alla cultura  Monica Barni, la consigliera regionale Ilaria Bugetti;  Marco Martini, sindaco di Poggio a Caiano; Giacomo Mari, assessore alla cultura del Comune di Poggio a Caiano; Simone Mangani, assessore alla Cultura del Comune di Prato; il professor Renato Piero Maria Pasta del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo di UNIFI, coordinatore del comitato scientifico; Silvano Gelli, referente comitato organizzatore delle celebrazioni; Lorenzo Santi, studente vincitore del concorso grafico indetto per l'occasione con il suo professore Adriano Bolognesi dell'Istituto professionale Francesco Datini di Prato.

I commenti sono chiusi