L’Amiata si illumina nel mese di agosto

L’Amiata si illumina nel mese di agosto

Nelle notti di agosto una  istallazione artistica renderà visibile la croce monumentale del Monte Amiata .

A partire dal 1 agosto, infatti, la croce monumentale che sovrasta il monte Amiata e che ne è divenuta il simbolo, verrà illuminata grazie ad un’istallazione artistica che la renderà visibile fino a 70 chilometri di distanza: oltre 30.000 led a basso consumo vestiranno l’imponente opera in ferro battuto realizzata dalle officine senesi di Luciano Zalaffi tra il 1900 e il 1910.

“L’Amiata si illumina” è un progetto che si inserisce nel percorso “Destinazione Amiata”, il nuovo piano di destinazione turistica territoriale che riguarda l’area amiatina che vede insieme l’associazione culturale Ferra il Bosko di Abbadia San Salvatore, in collaborazione con la Società Macchia Faggeta ed i comuni di Abbadia San Salvatore, Santa Fiora, Arcidosso, Castel del Piano, Piancastagnaio e Seggiano.

La croce venne costruita, in seguito alle indicazioni di Leone XIII, per celebrare la redenzione in occasione dell’Anno Santo del 1900. Un invito che venne accolto dalle popolazioni amiatine che affidarono al senese Luciano Zalaffi, uno dei più famosi interpreti nella lavorazione del ferro battuto, la progettazione e realizzazione di quest’opera che si sviluppa in altezza per 22 metri.

Un progetto ambizioso  che richiese quattro tonnellate di ferro, all’epoca trasportate sulla cima del monte a dorso di mulo. Da allora la croce, per le popolazioni che vivono nei bellissimi borghi dell’Amiata, è una sorta di faro, un punto di riferimento comune e simbolo di questi luoghi.

Tutte le info su www.croceamiata.com

L'articolo L’Amiata si illumina nel mese di agosto proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi