L’immaginario mafioso nel nuovo libro di Ravveduto

L’immaginario mafioso nel nuovo libro di Ravveduto

Le organizzazioni criminali negli ultimi decenni sono state protagoniste di una massiccia esposizione mediatica. Ma stereotipi e rappresentazioni sono per le stesse organizzazioni criminali un potente strumento per affermare la loro esistenza e il loro potere.

E’ da poco in libreria l’ultima opera del prof. Marcello Ravveduto, docente di public and digital history “Lo spettacolo della mafia. Storia di un immaginario tra realtà e finzione”.

A che cosa pensiamo quando parliamo di mafie? Come nascono le rappresentazioni della criminalità? In che modo realtà e racconto delle mafie si intrecciano nel dar forma a un immaginario in continua evoluzione? Le organizzazioni criminali negli ultimi decenni sono state protagoniste di una massiccia esposizione mediatica. Modelli, miti e codici si sono adattati e integrati con la società dei consumi e dei mezzi di comunicazione di massa, sono entrati prepotentemente nel cinema, nel web, nel marketing, sino a conquistare il centro della scena. Un fatto, questo, essenziale per l’analisi e la comprensione del fenomeno mafioso nel suo complesso, poiché stereotipi e rappresentazioni sono per le stesse organizzazioni criminali un potente strumento per affermare la loro esistenza e il loro potere.

ASCOLTA L’INTERVISTA CON L’AUTORE

 

L'articolo L’immaginario mafioso nel nuovo libro di Ravveduto proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi