M5S: “Regione faccia luce su tristi fatti di cronaca in ospedale”

M5S: “Regione faccia luce su tristi fatti di cronaca in ospedale”

 “I recenti tristi fatti di cronaca avvenuti in ospedali della Toscana devono far riflettere: il Movimento 5 stelle ha già predisposto un atto in Regione al fine di chiedere alla giunta di riferire su quanto successo”. Così un comunicato stampa annuncia un intervento di M5s, voluto dal consigliere Andrea Quartini.

“Non entro nel merito dei singoli casi, su questo agirà chi di competenza, in primis la magistratura, bensì sulla gestione del sistema sanitario”, spiega il consigliere regionale pentastellato Andrea Quartini aggiungendo che “da numerose segnalazioni, sia da parte dei sindacati di categoria che del personale medico, infermieristico, Oss e professionisti sanitari in genere emerge un’organizzazione ospedaliera a dir poco appesantita”.

“Parliamo – prosegue – di volumi di attività sempre più gravosi che costringono il personale a turni massacranti, stress di varia natura, riposi non goduti e problemi di sicurezza. La congestione dei pronto soccorso non fa altro che aggravare un quadro fatto di posti letto carenti e valutazioni aziendali formulate premiando la capacità di ridurre numero di ricoveri e tempi di degenza”. Per M5s “il malcontento che serpeggia tra gli addetti ai lavori resta spesso sottaciuto e non emerge in tutta la sua forza. Questo – rincara Quartini – a causa di codici etici aziendali che impongono di non divulgare notizie che potrebbero gettare ombre sull’azienda”.

È invece importante fare luce su quanto avviene nella sanità Toscana, così da rendere migliore il servizio e ridurre errori e fatti drammatici. “Vogliamo avere le relazioni del centro per il rischio clinico – conclude Quartini – Siamo convinti sia indispensabile rivedere al più presto tutto il sistema di gestione sanitaria a partire dalla pessima riforma imposta ai cittadini dal duo Saccardi-Rossi.”

L'articolo M5S: “Regione faccia luce su tristi fatti di cronaca in ospedale” proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi