Mafia cinese: per il presidente della Regione operazione eccezionale, inchiesta conferma che nessun territorio è immune

FIRENZE - Quella di oggi, come ha detto il procuratore nazionale antimafia, è un'operazione eccezionale. Dal presidente della Regione Toscana arriva il plauso  alla Direzione distrettuale antimafia di Firenze, alle Forze di polizia e agli investigatori per i risultati dell'inchiesta  'China Truck' e per tutta l'attività di contrasto contro le mafie.

Queste inchieste, sottolinea il presidente, ricordano che nessun territorio è immune e che le organizzazioni mafiose riescono a infiltrarsi sempre più anche nell'economia pulita e legale. Per questo è obbligatorio tenere sempre alta l'attenzione, facendo tutto quello che è in potere delle istituzioni per portare legalità e sicurezza. La Regione Toscana, ricorda il presidente,  lo fa con "Prato lavoro sicuro", progetto avviato dopo il rogo di 'Teresa Moda': una strada su cui si procederà con ancora più impegno.

NB. Dal 29 dicembre 2017 siamo entrati in regime di par condicio, per le elezioni politiche che si svolgeranno il 4 marzo 2018. La legge (28/2000) prevede al riguardo che informazione e comunicazione della pubblica amministrazione vengano svolte in forma impersonale.

I commenti sono chiusi